Nista: Ho Napoli incisa sulla pelle. Meret-Ospina? Una scelta andava fatta

L'ex preparatore dei portieri azzurro: "Ho chiuso il mio rapporto con il calcio sul campo in azzurro perché la schiena non mi permetteva di lavorare come dovevo"
Nista: Ho Napoli incisa sulla pelle. Meret-Ospina? Una scelta andava fatta© FOTO MOSCA
2 min
TagsnistameretOspina

NAPOLI - Ai microfoni di Radio Marte è intervenuto Alessandro Nista, ex preparatore dei portieri del Napoli. Il tutto inizia sfogliando l'album dei ricorsi: “Della finale di Coppa Italia vinta contro la Juve ho una bella emozione. Abbiamo lavorato tanto per raddrizzare un’annata complicata grazie al lavoro di tutti." Sono stato uno dei primi tifosi del Napoli quando ha lottato per lo scudetto - afferma Nista - questa città mi è rimasta incisa sulla pelle. Tutti noi abbiamo cullato per gran parte della scorsa stagione un sogno che poteva sembrare qualcosa di più, poi c’è stato un momento di difficoltà che l’ha un po’ infranto. Su Meret e sul dualismo con Ospina Nista afferma: Meret protagonista la sera della finale vinta nel 2020? Alex è un portiere di grandissimo valore. Purtroppo ha avuto una serie di problemi fisici dal primissimo giorno che ha iniziato il ritiro e per questo non ha trovato la continuità di cui avrebbe bisogno. È arrivato al Napoli dopo aver giocato 13 partite in Serie A con la Spal. Nonostante le difficoltà di questi anni continuo a pensare che sia stato un investimento intelligente. Avrebbe avuto bisogno di un percorso normale, ma è stato falcidiato dagli infortuni. Nel palcoscenico delle squadre di Serie A il Napoli ha maggiori garanzie in porta, per questo nel momento in cui quando uno ha un po’ di difficoltà, entra l’altro e c’è poco da recriminare. Già il fatto di essere nel giro della Nazionale significa che il valore è alto. Per fare il titolare lì, c’è bisogno di equilibrio. I portieri del Napoli Ospina e Meret sono di altissimo livello, quindi privarsi di uno o dell’altro è un sacrificio importante. Dopo questo dualismo nato in maniera casuale, adesso una strada va presa." Infine una battuta sul suo futuro:" Ho allenato tanti nomi importanti. Ho chiuso il mio rapporto con il calcio sul campo a Napoli perché la mia schiena non mi permetteva di lavorare come dovevo. Sul campo è difficile che mi rivediate, in altri vesti forse sì” - conclude.

Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti