Roma, dal bivio Zaniolo spunta Torreira

Nicolò vuole i bianconeri perché non ha ottenuto il rinnovo. Ma senza offerte valide tutto può cambiare. E il regista si candida: "Mourinho mi ha chiamato"
Roma, dal bivio Zaniolo spunta Torreira
4 min
Roberto Maida
TagsZanioloRomaCalciomercato

ROMA - Zaniolo si interroga, Torreira si candida. Due storie di mercato assolutamente diverse tra loro si allineano nella galassia Roma, all’inizio di una settimana che porterà la squadra a vivere un lungo ritiro in Portogallo. 

La decisione di Zaniolo

Nicolò ha saltato la prima amichevole della stagione, dopo il colloquio con Mourinho che ha certificato un disagio. È una situazione spigolosa che l’allenatore, con il supporto della società, proverà a gestire giorno per giorno. Zaniolo ha comunicato alla Roma che, sic stantibus rebus, cioè senza rinnovo del contratto, vuole andare alla Juventus. A Trigoria non hanno nulla in contrario. Ma chiedono 50 milioni per liberarlo. Divisi anche in più annualità, con la formula del prestito e obbligo di riscatto, ma tutti liquidi. La Juve da parte sua ha fatto sapere di non essere disposta a presentare un’offerta così impegnativa. L’affare si può costruire soltanto se la Roma accetta uno scambio, aiutando quindi la controparte a sgravare il bilancio da uno stipendio pesante. Solo che a queste condizioni Mourinho non ci sta. Se Zaniolo va via, vuole essere lui a tratteggiare il piano di rafforzamento a seconda delle necessità e delle possibilità.

Roma, gli obiettivi di mercato: se parte Zaniolo ecco chi può arrivare
Guarda la gallery
Roma, gli obiettivi di mercato: se parte Zaniolo ecco chi può arrivare

Le ipotesi

Se lo stallo dovesse perdurare però, la Roma interverrebbe con decisione. Vendere Zaniolo ha senso solo se il trasferimento garantisce una corposa plusvalenza, ricordando che il 15 per cento della vendita va comunque girato all’Inter come da accordi del 2018. Senza acquirenti convinti, Tiago Pinto convocherà in sede il procuratore Vigorelli per negoziare il rinnovo del contratto. Può succedere anche prima della fine del mercato. Sarebbe un segnale che il giocatore, immalinconito nei suoi dubbi sul futuro, recepirebbe volentieri, cambiando completamente orientamento: oggi ha la testa alla Juventus ma siccome a Roma e alla Roma sta bene è pronto a tornare indietro, o meglio a restare dove si trova adesso.

I rinforzi chiesti da Mourinho

Per l’eventuale sostituzione tattica, Mourinho ha chiesto alla Roma di prendere Dybala. Ma intanto, come è suo costume, sta contattando anche altri giocatori per saggiarne la disponibilità. Uno di questi è il regista uruguaiano Torreira, che ha giocato l’ultima stagione in prestito alla Fiorentina e ora è rientrato all’Arsenal. Ha le stesse caratteristiche fisiche di Maxime Lopez, un altro regista a cui la Roma aveva pensato nelle scorse settimane. «Mourinho mi ha chiamato un po’ di tempo fa - ha svelato Torreira -, la possibilità mi intriga ma non è una trattativa facile». Contratto in scadenza nel 2023, Torreira ha 26 anni e una buona esperienza di Serie A visto che in passato ha giocato anche nella Sampdoria. Ma la Roma in questo momento ha altre priorità e non investirà molto denaro per un centrocampista di questo tipo. 

Il blocco degli esuberi

Peraltro Tiago Pinto ha urgente bisogno di vendere, prima di aggiungere calciatori alla rosa: restano 11 esuberi, senza contare Zaniolo, che frenano la campagna acquisti. Alcuni nemmeno partiranno per il Portogallo. Il più vicino alla cessione sembra l’olandese Kluivert, reduce da un prestito al Nizza. Per lui il Marsiglia di Igor Tudor ha offerto 10 milioni. A 12 si può chiudere. Intanto i giovani Mastrantonio, Missori, Olivera e Tahirovic hanno rinnovato fino al 2026.


Commenti