Corriere dello Sport

Champions League

Vedi Tutte
Champions League

L'abbraccio di Messi, l'altra rivincita di Luis Enrique

Il tecnico del Barça molto criticato dalla stampa spagnola anche per il rapporto con la Pulce ora si gode la vittoria e ancora non ha sciolto i dubbi sul suo futuro

Sullo stesso argomento

di Valerio Minutiello

domenica 7 giugno 2015 18:26

BARCELLONA - L'abbraccio tra Messi e Luis Enrique è una delle immagini più significative della finale di Champions. Almeno per quanto riguarda il tecnico asturiano, che in una serata magica si è preso più di una rivincita. A gennaio era finito nella bufera e la sua avventura al Barça sembrava già finita. Al centro delle polemiche il suo rapporto con Messi. Voci sempre più insistenti raccontavano che i due erano ormai ai ferri corti, e gli indizi non mancavano.

La sconfitta con la Real Sociedad che aveva impedito al Barça di superare il Real, aveva portato all'esonero del Ds Zubizarreta e alle dimissioni dell'ex capitano Puyol. Luis Enrique aveva fatto arrabbiare i tifosi per la scelta di tenere Messi e Neymar in panchina. L'argentino poi non si era presentato a un allenamento importante, davanti a migliaia di tifosi, ufficialmente lamentando una gastroenterite. Si diceva addirittura che La Pulce avesse posto il club azulgrana davanti a un bivio: "O me o lui". Notizia poi smentita dal numero 10 del Barça che però nel frattempo aveva iniziato a seguire il Chelsea su Instagram, alimentando altre voci di mercato.

IL TRIPLETE E I DUBBI SUL FUTURO -  Ieri il Triplete ha spazzato via ogni polemica con l'abbraccio, già avvenuto dopo la vittoria della Copa del Rey, che ha archiviato il caso. Almeno così sembra a guardare le immagini della festa, e quella significativa di Luis Enrique e Messi pubblicata anche dal profilo twitter del Barça. Però c'è da dire che il tecnico non ha ancora fatto sapere quale sarà il suo futuro, e dopo la vittoria con la Juve ha dribblato ogni domanda su questo tema. "Que Pasa con Luis Enrique?" È l'eloquente apertura del sito spagnolo Marca nelle ore successive al trionfo in Champions. Dovrebbe rimanere, ma l'orgoglio ferito potrebbe anche spingerlo a dare l'addio da vincente.

 

Per Approfondire

Commenti