Corriere dello Sport

Champions League

Vedi Tutte
Champions League

Chelsea-Roma 3-3: Dzeko show, che doppietta!

Chelsea-Roma 3-3: Dzeko show, che doppietta!
© REUTERS

Il bosniaco non aveva mai segnato ai Blues. I giallorossi restano secondi a +3 dall'Atletico Madrid

Sullo stesso argomento

 Valerio Minutiello

mercoledì 18 ottobre 2017 22:40

ROMA - Finisce pari tra Conte e Di Francesco. Un pareggio prezioso per la Roma, che resta seconda a + 3 dall'Atletico Madrid, fermato sullo 0-0 sul campo del Qaarabag. Dzeko rompe il tabù e con una strepitosa doppietta mette la firma su un 3-3 spettacolare a Stamford Bridge nella sua centesima partita con la maglia giallorossa: il bosniaco non aveva mai segnato ai Blues, nonostante abbia giocato cinque stagioni in Premier con il Manchester City.  

Di gol ne ha realizzati due in sei minuti, entrambi bellissimi. L'altra rete, quella che ha riaperto la partita quando la Roma era sotto di due gol, l'ha firmata l'altro ex del City, Kolarov. La Roma ha giocato meglio del Chelsea, ma ha pagato a caro prezzo alcuni errori banali. I giallorossi sono stati bravi a reagire dopo il doppio svantaggio e a riprendere in mano la partita. Peccato perché avevano trovato anche il sorpasso. Al giro di boa del girone sono al secondo posto, imbattuti dopo tre giornate. Un piccolo traguardo, non era mai successo prima. Il passaggio agli ottavi è alla portata. 

C'È GERSON - Di Francesco preferisce Gerson a Gengiz Ünder nel tridente d'attacco. A centrocampo c'è Gonalons con Strootman e Nainggolan. Fuori De Rossi e Florenzi. Conte si affida al 3-5-2 con Morata e Hazard in attacco. La Roma non si fa intimorire dallo Stamford Bridge e parte con il pressing molto alto. Il primo guizzo è di Morata che al 5' si libera e calcia troppo centrale, Alisson è attento. Un minuto dopo è Perotti a impensierire Courtouis con un bel tiro dal limite che esce di poco sulla traversa.

ROMA SPAVALDA MA IMPRECISA - La Roma è spavalda, ma in difesa dà qualche segnale di fragilità. Soprattutto Juan Jesus non sembra in serata, e si vede all'11' quando serve involontariamente un assist al bacio che David Luiz sfrutta al meglio con un tiro imprendibile per Alisson. I giallorossi reagiscono e vanno vicini al pareggio con Nainggolan, che spara sui piedi di Courtouis da distanza ravvicinata. La Roma tiene il possesso palla e prova a sfondare. Il Chelsea si chiude e colpisce per la seconda volta in contropiede sfruttando un altro errore, stavolta di Bruno Peres: il tiro di Morata, deviato da Fazio, diventa un altro assist per Hazard che deposita in rete.

KOLAROV LA RIAPRE - Sembra una serata da incubo per la Roma e per i quasi tremila tifosi arrivati a Stamford Bridge. Al 40' però Kolarov riaccende le speranze con un gran gol dopo una bella azione personale. Nella ripresa la Roma ci crede e mette in grande difficoltà il Chelsea. Al 54' un cross velenoso di Kolarov viene disinnescato da un intervento provvidenziale di Courtouis con la punta del piede davanti a Dzeko tutto solo nell'area piccola. Conte si spaventa, toglie David Luiz per Pedro e si prende un "vaffa" in italiano dal brasiliano.

DZEKO SCATENATO - La Roma continua ad attaccare e il Chelsea è sempre più in affanno. Al 64' arriva il pareggio con una perla di Dzeko: sinistro al volo su lancio lungo di Fazio. Il bosniaco non si accontenta di rompere il tabù, e sei minuti dopo su cross di Kolarov firma la doppietta e il sorpasso: decimo gol in 10 presenze in questa stagione, terzo in Champions. Il Chelsea è la sua novantesima vittima tra le squadre di club. La Roma accarezza il sogno dell'impresa a Stamford Bridge, ma un'altra leggerezza in difesa permette ad Hazard di staccare tutto solo in area e ristabilire la parità di testa. All'81' ancora Dzeko di testa sfiora la tripletta. Sarebbe stata una notte magica, ma ci si può anche accontentare così. 

CHELSEA-ROMA 3-3: STATISTICHE E CURIOSITA' 

Articoli correlati

Commenti