Champions League
0

Sarri: "Se la Juve mi manda via non dipende dal risultato con il Lione"

Le parole del tecnico bianconero e di Bonucci in conferenza stampa alla vigilia degli ottavi di Champions League

Sarri: "Se la Juve mi manda via non dipende dal risultato con il Lione"
© Juventus FC via Getty Images

TORINO - La Juventus di Sarri è attesa ad un'altra rimonta negli ottavi di finale di Champions League contro il Lione come quella firmata con l'Atletico Madrid a marzo del 2019. Durante la conferenza stampa della vigilia, il tecnico bianconero ha presentato la sfida: "Servirà una grande prestazione, il Lione si è evoluto in difesa da quando gioca con tre centrali, hanno giocatori tecnici e veloci nelle ripartenze. Hanno solidità e gamba con Depay, dunque l’andata gli permette di fare la partita più adatta alle loro caratteristiche. La partita sarà difficile con un risultato difficile da ribaltare, dobbiamo giocare con lucidità, pazienza e calma. Domani occorre lucidità, non leggerezza, è diverso. Abbiamo fatto l’andata con il pubblico e il ritorno senza, ma le condizioni sono queste. Non è una cosa bella da vivere, c’è un po’ di tristezza. Speriamo che in poco tempo il pubblico possa tornare negli stadi, è difficile mentalmente giocare sempre a porte chiuse.

Il calendario della Champions League

Juve-Lione, Sarri: "Dybala è nelle mani dei dottori"

"Higuain e Pjanic? Sono in crescita. Gonzalo ha messo dentro minuti e dal punto di vista fisico è in crescita. Pjanic dopo una fase in cui era stanco fisicamente e mentalmente, l’ho rivisto efficiente. Cristiano Ronaldo invece si sta allenando nel modo giusto, ieri ha fatto un gol in allenamento di una bellezza assoluta, mentalmente sta approcciando bene. Ha fatto tante gare ravvicinate, ha avuto giustamente due giorni di riposo, poi ha ripreso con intensità e vigore. Dybala? Non sappiamo, siamo ancora nelle mani dello staff medico, anche se ha fatto qualcosa in campo. Vediamo l’evoluzione tra oggi e domani e poi vediamo il livello di disponibilità. Parleremo con i dottori. Cuadrado gioca? Penso parta dall’inizio, ma non so ancora se sulla linea difensiva o offensiva".

Sarri: "Higuain e Pjanic sono in crescita"

Juve, Sarri: "Il mio futuro non dipende dal Lione"

"Potrebbe essere la mia ultima partita con la Juve? Non penso, così date dei dilettanti alla nostra dirigenza che invece è di altissimo livello e che non fa valutazioni da dilettanti sull'ultima partita o su un episodio. I nostri dirigenti avranno già fatto le loro valutazioni e se la valutazione è il cambiamento, lo faranno indipendentemente dal risultato di domani. Se la valutazione è il proseguimento di un'idea, lo faranno indipendentemente dal risultato di domani. Così sembra che si basino sull’andamento emotivo e che siano tifosi". 

Juve, Sarri: "Vogliamo le Final Eight"

"La partita sarà importante, lo era anche vincere lo scudetto. Sarebbe bellissimo andare a Lisbona alla Final Eight, significherebbe entrare nella élite mondiale, ci teniamo tantissimo. È una partita importante, ma niente di più di questo. Pessimismo intorno alla Juve? Sono agnostico, non leggo e non guardo niente, non mi riguarda. Noi siamo felici di aver vinto il campionato più difficile della storia della Serie A. La vittoria è sempre qualcosa di straordinario anche quando si è abituati a vincere".

Sarri: "Serviranno lucidità e calma"

Bonucci: "Scudetto l'obiettivo principale. Vogliamo la rimonta"

Determinato e concentrato Leonardo Bonucci, in un momento cruciale della stagione della Juve: “In queste partite tutti noi, con piccoli gesti, possiamo fare la differenza - dice in conferenza stampa -, sarà fondamentale l’adrenalina che girerà nello spogliatoio, ma sono convinto che faremo bene”. Nessun problema se qualcuno vede una Juve meno granitica de passato: “Dobbiamo guardare a noi senza dare ascolto a ciò che viene detto fuori. Stiamo bene, abbiamo vinto lo scudetto che era l'obiettivo principale. Siamo concentrati solo sulla partita di domani e su quello che ci ha detto il mister. Vogliamo ribaltare il risultato”. Massima attenzione andrà data al lavoro difensivo: “Come abbiamo dimostrato in partite importanti e decisive contro Inter e Lazio, possiamo far bene come squadra, a cominciare dal lavoro degli attaccanti”. Nessun dubbio sullo stato di salute della squadra: “In queste partite l’adrenalina e la giusta concentrazione arrivano da soli. Ci giochiamo una parte importante della stagione, vogliamo rimontare. Giocare senza i nostri tifosi ci toglie qualcosa quindi dovremmo essere ancora più bravi per trovare concentrazione e ribaltare il risultato. Abbiamo alternato momenti buoni a pause in cui abbiamo abbassato l'attenzione e subito. Abbiamo avuto la fortuna di allenarci in questa settimana, cosa che non avveniva da tempo. Daremo il 100%”.

 

 

 

Tutte le notizie di Champions League

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti