Champions League
0

La Juve di Sarri finisce qui: adieu, Maurizio

La Juve di Sarri finisce qui: adieu, Maurizio
© ANSA

La Juve di Sarri finisce qui. Il violino di Garcia ne accompagna la dolorosissima uscita addirittura in un ottavo di Champions. Il fallimento è autentico, «mentalmente devastante», la conclusione più amara di una stagione certamente assurda nella quale - però - è risultata subito evidente la distanza tra l’allenatore toscano, la sua idea di calcio, anche il suo modo di comunicare, e tutto quello che la Juve rappresenta, i valori che incarna: perse in partenza la scommessa del bel gioco e, quel che più conta, anche quella assai più grave del grande risultato.

La Juve è arrivata malissimo all’appuntamento d’agosto, con due sconfitte nelle ultime otto partite, oltre cinquanta gol subiti e l’ansia che derivava dalla consapevolezza di non essere al meglio: l’ingresso in campo di Dybala in quelle condizioni è l’immagine di una gestione sfortunata oltre che fortemente disturbata.

A sessantun anni e mezzo Sarri ha vinto il primo scudetto della vita, ma è passato il messaggio che quel titolo avesse una madre, la società, tanti figli, i giocatori, e nessun padre. Per tutta la (breve) vigilia del ritorno con i francesi non si è quasi mai parlato, né scritto, del presente della Juve con Sarri: a tenere banco è stato il futuro senza. Tra le tante cose sentite o lette, ricordo la frase di Andrea Agnelli, uno che non parla mai a vanvera, pronunciata durante la presentazione di Andrea Pirlo: «Non posso che fare i complimenti a Pavel, Fabio e Fede (Cherubini, nda) per aver saputo ricaricare la macchina». Sarri? Trascurato, non ancora rimosso.

I giudizi non sono presi sulla base di una singola partita, aveva ribadito Paratici poco prima dell’inizio. Ma proprio una partita, questa, la più decisiva e condizionante, oltre alle due finali perse e all’eliminazione dalla coppa ossessione, potrebbe convincere la società a prendere la decisione che covava da tempo.

Da mesi sento ripetere che Sarri non ha più in mano la squadra e che a decidere tanto in campo quanto fuori sono i campioni più rappresentativi, i leader più ascoltati del gruppo (ieri sera il primo a presentarsi davanti alle telecamere è stato Buffon, il capitano morale). Non voglio, né posso credere che sia così: ho troppo rispetto di Maurizio per immaginarlo sottomesso in qualche modo ai giocatori. È però vero che nella sua Juve le individualità hanno troppo spesso prevalso sul resto.

L’arbitro Zwayer merita due-parole-due: ha fatto solo dei danni, indirizzando la gara con un rigore inesistente che ha condannato la Juve a una rincorsa ancor più affannosa. Ha provato subito a rimediare concedendone un altro grottesco, quello del pari (in tedesco compensazione si dice “vergutung”), ma la Juve non ha avuto la capacità di approfittarne.

Tutte le notizie di Champions League

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti