Barcellona-Napoli, Messi e il segreto anti Coronavirus

Il fuoriclasse argentino avrebbe iniziato a utilizzare un incredibile ritrovato della tecnica per essere al sicuro da ogni tipo di contagio

© Getty Images
Andrea De Pauli

BARCELLONA (SPAGNA) - Alla vigilia della sfida con il Napoli, Leo Messi avrebbe dormito una notte serena sul suo nuovo materasso anti Covid-19. Ad assicurarlo sono diversi giornali spagnoli, ad iniziare da As, per proseguire con il Mundo Deportivo, che si dilungano a spiegare tutte le caratteristiche dell’ultima acquisizione di Leo, un giaciglio che, grazie ad avveniristiche  nanoparticelle, sarebbe in grado di eliminare il Coronavirus nell’arco di quattro ore. Il prodotto, commercializzato da una ditta spagnola, almeno secondo chi lo vende, ha un’efficacia del 99,84% nella sua funzione antivirale e antibatterica.

Barcellona-Napoli, la formazione di Gattuso
Guarda la gallery
Barcellona-Napoli, la formazione di Gattuso

TUTTO SULLA LIGA

GRANDE SUCCESSO - A quanto sembra, il particolarissimo materasso, che ha un valore commerciale prossimo ai mille euro, avrebbe la capacità di eliminare in tempi brevissimi qualsiasi virus e batterio. Ti viene in casa un ospite, lo fai dormire sul tuo materasso, poi scopri che ha contratto il coronavirus. Nessun problema, quattro ore dopo il letto sarà riutilizzabile con un rischio di contagio minimo. Questo assicura la ditta che lo commercializza. In distribuzione, tra l’altro, ce ne sarebbero diversi modelli, alcuni dei quali contemplano un sistema di massaggio a vibrazione e un meccanismo di riscaldamento particolare per i piedi infreddoliti. Il materasso avrebbe conquistato a tal punto Messi, che avrebbe deciso di rinnovare l’intero parco letti della sua lussuosa dimora di Castelldefels, nei pressi di Barcellona. Il sei volte Pallone d’Oro non sarebbe stato l’unico calciatore ad essersi innamorato del nuovo prodotto. Ne avrebbero comprato uno anche il colchonero Saul e il Kun Agüero, amico di vecchia data di Leo, oltre all’ex Fiorentina Cristiano Piccini, ora in forza al Valencia. Non è ancora dato sapere, invece, se Jorge Messi, padre procuratore del genio di Rosario, abbia dotato il suo nuovo appartamento milanese del innovativo giaciglio.

@andydepauli

Commenti