Inzaghi: "Gli abbiamo fatto noi tre gol. E quel rigore..."

Il tecnico della Lazio dopo il 4-1 rimediato dal Bayern Monaco: "Certe partite fanno crescere"
Inzaghi: "Gli abbiamo fatto noi tre gol. E quel rigore..."© Getty Images

ROMA - Vince e fa festa il Bayern Monaco sulla Lazio. Risultato che fa male ai biancocelesti: 4-1 aspettando il ritorno. Nel post partita, ai microfoni di Sky Sport, il tecnico Simone Inzaghi ha commentato amaro: "Volevamo giocarci la partita, ma l’abbiamo sentita troppo e siamo stati contratti. I gol li dovevano fare loro, invece gliene abbiamo fatti tre. Non è andato bene niente, abbiamo fatto tanti errori, ma ci servirà per crescere. Per certe partite non siamo ancora pronti. Non ho parlato con i ragazzi ancora, voglio analizzare la gara prima. Abbiamo sfidato i campioni del mondo, per noi era già un traguardo essere qui, dovevamo essere in serata per giocarcela".

Lazio, Inzaghi analizza la sconfitta

“Sapevo che il Bayern fosse così forte. Inizialmente, prima dell’errore, abbiamo iniziato bene. Sull’1-0 forse c’era anche rigore, ma sono i campioni del mondo, fortissimi. Hanno fatto 4 gol, 3 ce li siamo fatti noi. Siamo andati davanti alla porta, alcune azioni fatte bene. Non dico che non abbia meritato il Bayern, ma gli episodi indirizzano le partite. La sensazione c’era: saltato il primo pressing potevamo fare gol. Dovevamo essere più bravi. Una partita che ci servirà per crescere. C’è amaro in bocca perché non siamo con gli uomini al completo, le nostre assenze le abbiamo pagate di più rispetto a loro. Il ritorno? Serve tranquillità, il passaggio è compromesso. Prima pensiamo al campionato, poi per Monaco ci sarà tempo”.

Lazio, troppo Bayern Monaco: il gol di Correa non basta
Guarda la gallery
Lazio, troppo Bayern Monaco: il gol di Correa non basta

Champions, i migliori video

Corriere dello Sport in abbonamento

Offerta Speciale, sconto del 56%

In occasione della ripartenza delle coppe europee puoi leggere il tuo quotidiano sportivo a soli 23 centesimi al giorno!

Offerta valida solo fino al 15 Marzo 2021

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti