Corriere dello Sport

Europa League

Vedi Tutte
Europa League

Europa League, Ajax-Lione 4-1: Traoré, Dolberg e Younes, serata da stelle

Europa League, Ajax-Lione 4-1: Traoré, Dolberg e Younes, serata da stelle
© REUTERS

Gli olandesi travolgono i francesi, che avevano eliminato la Roma agli ottavi, e ora sognano la finale di Stoccolma. Brillano gli obiettivi di mercato di Napoli, Lazio e Roma

Sullo stesso argomento

 

mercoledì 3 maggio 2017 20:34

ROMA - Sarà pure una banda di ragazzini, ma questo Ajax fa paura: segna quattro gol al Lione nella semifinale di andata di Europa League alla Johan Cruijff Arena e mette una seria ipoteca sulla finale del 24 maggio. La "gioielleria" olandese mette in mostra i pezzi più pregiati: il diciassettenne difensore centrale De Ligt, poi Klaassen, Traoré, Ziyech, Dolberg, Younes, talenti che saranno protagonisti del prossimo calciomercato. Senza Lacazette, a mezzo servizio perché non al meglio dal punto di vista fisico, l'Olympique si perde: la squadra che aveva eliminato la Roma agli ottavi dovrà ribaltare il 4-1 di stasera.

LACAZETTE FUORI - Lacazette parte dalla panchina, Fekir gioca punta centrale con Cornet, Tolisso e Valbuena alle sue spalle. Nell'Ajax in campo tutti gli uomini di mercato: ci sono Klaassen, che piace a Lazio e Napoli, Traoré e Dolberg, quest'ultimo nella lista del ds della Roma Monchi. Gli olandesi non perdono in casa in Europa da 12 partite: nelle ultime 6 hanno sempre vinto.

AJAX INCONTENIBILE - Ajax e Lione sono squadre che non sono costruite per aspettare, dai primi minuti di gioco i ritmi in campo sono frenetici. I francesi partono forte: Onana, portiere della squadra di casa, si oppone alla conclusione ravvicinata di Cornet. È un fuoco di paglia perché gli olandesi passano al 25': cross su punizione di Ziyech e lieve tocco di testa di Traoré in torsione per il gol che fa cantare l'Amsterdam Arena. Il Lione incassa il colpo, ma sbanda e subisce il raddoppio. La difesa di Genesio va in tilt sul pressing degli avversari: Traoré, di testa, apre la strada a Dolberg che, solo davanti a Lopes, non sbaglia. Prima del riposo, la squadra di Bosz potrebbe colpire ancora: filtrante di Klaassen per Younes e conclusione di destro, stavolta Lopes è pronto. 

Non c'è partita, la musica nella prima parte della ripresa è sempre la stessa. L'Ajax non fa respirare il Lione, che è in stato confusionale: sembra di rivedere l'andata dei quarti di Europa League contro lo Schalke, ma stavolta non c'è il portiere dei tedeschi a fermare Dolberg e compagni. L'Olympique vacilla e incassa la terza rete al 49'. Younes scappa via sulla sinistra, rientra e calcia di destro: inutile il tentativo di respinta di Nkoulou, la palla ha varcato la linea di porta, per l'arbitro italiano Rocchi è gol.

REAZIONE VALBUENA - Nel momento migliore della squadra di casa, il Lione ritrova un briciolo di speranza grazie a Valbuena, che segna il 3-1 al 66'. Su un cross di Jallet, l'Ajax si abbassa troppo, la respinta arriva all'attaccante dell'Olympique che, dal limite dell'area e indisturbato, piazza il pallone alle spalle di Onana. Gli olandesi perdono certezze e il Lione pochi minuti dopo si divora il possibile 3-2: Fekir, tutto solo, si fa respingere il tiro dal portiere di casa. Sono solo pochi istanti di sbandamento, l'Ajax ne ha ancora e al 71' trova il quarto gol ancora con Traoré, dimenticato al centro dell'area dalla difesa francese. Nel finale, Genesio tenta la carta Lacazette, ma non ha successo. Finisce 4-1, il Lione tra una settimana dovrà compiere un'impresa per raggiungere la finale di Stoccolma. Domani l'altra semifinale di andata, Celta Vigo-Manchester United

EUROPA LEAGUE, AJAX-LIONE 4-1: CRONACA, TABELLINO E STATISTICHE

Articoli correlati

Commenti