Corriere dello Sport

Europa League

Vedi Tutte
Europa League

Europa League, Ludogorets-Milan 0-3: a segno Cutrone, Rodriguez e Borini

Europa League, Ludogorets-Milan 0-3: a segno Cutrone, Rodriguez e Borini
© EPA

La squadra di Gattuso ipoteca gli ottavi di finale: il giovane attaccante sblocca sul finire del primo tempo, lo svizzero raddoppia su rigore e l'ex romanista chiude la pratica nel recupero. Giovedì il ritorno a San Siro

 

giovedì 15 febbraio 2018 20:50

ROMA – Buona la prima. Il Milan di Gattuso non stecca l’andata dei sedicesimi di Europa League battendo per 3-0 il Ludogorets in Bulgaria e ipotecando la qualificazione al turno successivo. Cutrone sblocca il match sul finire del primo tempo con il terzo gol nelle ultime due partite, Ricardo Rodriguez bissa il risultato nel corso della ripresa realizzando il rigore che il baby attaccante si procura per una spinta ai suoi danni e Borini la chiude definitivamente in pieno recupero. Giovedì prossimo il ritorno a San Siro.

Ludogorets-Milan 0-3: tabellino e statistiche

ANCORA CUTRONE - Non un grande avvio dal punto di vista delle occasioni. Basti pensare che la prima vera opportunità per la squadra di Gattuso arriva dopo venti minuti con Cutrone: Bonaventura verticalizza per il giovane attaccante il cui mancino viene messo in corner dal centrale del Ludogorets. I bulgari provano a far girare il pallone, il Milan concede pochi spazi e chiude benissimo tranne quando l’uscita maldestra di Donnarumma per poco non porta al gol del vantaggio di Swierczok. Uno dei più propositivi è Bonaventura: l’ex atalantino prova a sbloccare la partita al 43’ ma non riesce perché la conclusione si alza sopra la traversa. Poco importa, a pensarci è il solito Cutrone appena due minuti più tardi. Calhanoglu pennella per l’attaccante che anticipa tutti e di testa, sfiorandola, infila la porta di Renan per l’1-0 del Milan.

RODRIGUEZ BIS - Il tecnico del Ludogorets rientra dagli spogliatoi con una novità: fuori Swierczok, dentro Wanderson. Il neoentrato è uno dei protagonisti della ghiottissima chance dei bulgari al 51’: Marcelinho “spreca” il suo assist trovando la pronta risposta di Donnarumma. Il Milan si salva dalla traversa di Dyakov (destro dalla distanza) e ringrazia ancora una volta Cutrone dopo che l’arbitro Mazic decreta il penalty proprio per la spinta ai danni del talento rossonero: dal dischetto va Rodriguez che spiazza Renan e regala il raddoppio (64’). Il resto è una partita di pieno controllo del Milan, che sigla il facile tris con Borini nel recupero e torna dalla trasferta di Razgrad con un risultato preziosissimo. 

Articoli correlati

Commenti