Pioli: "Milan, vinciamo l'Europa League per tornare in Champions!"

Così il tecnico rossonero: "Il nostro obiettivo è giocare l'ex Coppa dei Campioni e abbiamo due sole strade per riuscirci. Calhanoglu? Sta meglio, ma non è a disposizione"

© LAPRESSE

GLASGOW (Scozia) - “Calhanoglu? Ha avuto questo infortunio alla caviglia. Oggi stava un pochettino meglio. Non sarà della gara e dovremo analizzare la situazione giorno dopo giorno. Gli infortuni sono gli imprevisti che fanno parte del nostro lavoro, dispiace per Hakan ma ho la fortuna di avere tanti altri giocatori a disposizione forse anche con caratteristiche diverse, troveremo sicuramente la soluzione per mettere in campo una squadra competitiva". Alla vigilia del debutto in Europa League sulla panchina del Milan, il tecnico rossonero Stefano Pioli presenta il match di Glasgow contro il Celtic in conferenza stampa. "Il derby ci ha portato via tante energie mentali e fisiche all’inizio di un periodo fitto d’impegni - prosegue -. Domani sicuramente schiereremo la miglior formazione possibile ma non è detto che sia quella del derby. Sono convinto che il risultato raramente dipenda in toto dalla formazione titolare. Ho giocatori forti, volenterosi e che stanno bene. Sia Ibrahimovic che tutti gli altri. Abbiamo fatto tanto per superare i preliminari e arrivare alla fase a gironi. Adesso vogliamo arrivare fino alla fine”.

Milan, stop Calhanoglu: a rischio la Roma
Guarda il video
Milan, stop Calhanoglu: a rischio la Roma

Pioli: "L'obiettivo è tornare in Champions"

Hauge e Dalot? Sono entrambi giovani ma hanno dimostrato subito grande capacità di adattamento, si sono inseriti, hanno delle buonissime qualità, sono disponibili e pronti per giocare. Abbiamo lavorato tanto per tornare in Europa e adesso vogliamo rimanerci. L'Europa League è una competizione molto importante, abbiamo un girone equilibrato, molto competitivo e ci teniamo a cominciarlo bene. Sarò soddisfatto del nostro percorso europeo se passeremo il girone. Se punto a vincere il torneo? Vogliamo tornare in Champions e abbiamo due strade: o vincere l’Europa League o fare un grande campionato e arrivare nelle prime quattro in classifica. Dobbiamo cavalcare l’entusiasmo. Dobbiamo sentire quello che abbiamo sentito mentre andavamo a San Siro, come se i tifosi fossero con noi. I pronostici fatti sulla carta non servono, nel calcio non valgono. Il Celtic è una squadra che gioca un calcio molto propositivo e che può metterci in difficoltà ma noi dobbiamo fare del nostro meglio. Il nostro è un girone molto equilibrato e difficile. Nessuna delle squadre selezionate è stata fortunata. Lille, Sparta Praga, sono tutte squadre prime in classifica, il Celtic secondo. Noi primi. Sarà una battaglia fino all'ultima partita. Tutte le squadre avranno possibilità di passare”.

Pioli: "Il Milan può vincere ogni partita"

"È normale che ci sia pressione su di noi vista la maglia che indossiamo, il Milan è abituato a vincere in Italia e nel mondo. Deve essere un privilegio perciò dobbiamo reggerla e sapere che stiamo facendo un bel percorso. Sappiamo di avere le qualità per poter vincere ogni partita superando tutti insieme gli ostacoli. Bisogna essere disposti a sacrificarsi per portare a casa un risultato positivo", ha aggiunto Pioli ai microfoni di Milan Tv.

Commenti