Roma, tutti a Budapest: tutto il programma fino al Siviglia

Da Kumbulla a Solbakken: anche gli indisponibili domani pomeriggio partiranno insieme al gruppo
Roma, tutti a Budapest: tutto il programma fino al Siviglia© AS Roma via Getty Images
3 min
Chiara Zucchelli

Iniziano oggi i tre giorni più importanti della storia recente della Roma. Perché l ’Europa League - un tempo Coppa Uefa - è la seconda competizione europea e in pochi, dopo il trionfo in Conference dello scorso anno, pensavano che la Roma potesse di nuovo arrivare fino in fondo. Forse neppure José Mourinho, il principale artefice di tutto questo. Il programma di avvicinamento alla finale di Budapest lo ha deciso lui e ricalca in larga parte quello dello scorso anno a Tirana. Routine solita, pochi stravolgimenti, squadra che sarà in Ungheria il minimo indispensabile. Perché è vero che la partita è importantissima e prestigiosa, ma è vero anche che Mou non vuole caricare i giocatori di eccessiva pressione.

La scelta di rimanere a Roma

Se, infatti, il Siviglia si allenerà a Budapest, la Roma farà tutto tra le mura di casa. Oggi e domani allenamento alle 11, poi pranzo tutti insieme. Domani la partenza è prevista nel primo pomeriggio, come sempre in occasione delle trasferte europee. Mourinho, come un anno fa, non ha voluto in alcun modo rivoluzionare il programma e la routine dei giocatori. Che sia il debutto in casa del Ludogorets o la finale di Budapest, la Roma e il suo allenatore non cambiano.

Il programma a Budapest

La squadra arriverà a Budapest intorno alle 16.30. Dalle 17.15 alle 17.45 sono previsti walk around alla Puskas Arena e interviste, poi fino alle 18.30 conferenza di Mou e di due giocatori (uno con ogni probabilità sarà il capitano Lorenzo Pellegrini). La Roma è la squadra che giocherà in trasferta, indosserà maglia, pantaloncini e calzettoni rossi e avrà sulla manica il logo della Conference vinta. Il Siviglia, invece, ricorderà le sei Europa League portate a casa.

Tutti alla Puskas Arena

Allo stadio la Roma avrà uno spogliatoio tutto giallorosso, il Siviglia ha scelto la scritta: “Nunca te rindas” cioè “mai arrendersi”, ma non mancheranno sorprese. Alla Roma è stato assegnato il lato Sud dello stadio e alla Puskas Arena ci sarà una delegazione composta da circa 70 persone: non mancherà nessuno, dai Friedkin a Solbakken, fuori lista per motivi di FairPlay, agli infortunati Karsdorp e Kumbulla. Prevista la presenza, come a Tirana, di Francesco Totti: arriverà mercoledì mattina e con lui altre personalità del mondo romanista. La squadra resterà in hotel fino alle 19, andrà allo stadio per il riscaldamento che terminerà poco prima del match e di una piccola cerimonia inaugurale. Alle 21 è previsto il calcio d’inizio. E poi sarà quel che sarà. Con una postilla: per il pre e il post partita, anche questo come un anno fa, ogni club ha dovuto indicare alla Uefa almeno cinque canzoni da mettere allo stadio. I tifosi, che siano romanisti o del Siviglia, si sentiranno in qualche modo a casa.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti