Maradona, ecco le sue frasi più famose 

L'ex Pibe de Oro nel corso della sua vita, oltre ad aver brillato sul rettangolo di gioco, si è reso protagonista di alcune affermazioni che tutti ricordano
Maradona, ecco le sue frasi più famose © LAPRESSE
TagsMaradona

Diego Armando Maradona, il più grande calciatore della storia, se ne è andato all'età di 60 anni (li aveva compiuti qualche giorno fa, il 3o ottobre) lasciando un vuoto in tutti i tifosi di calcio, non solo nella gente di Napoli o nella popolazione argentina; chiunque ama questo sport è in lutto per la scomparsa di Diego. Maradona era gigantenso dentro il terreno di gioco ma anche un fuorisclasse fuori dal campo; noto a tutti per la sua ineguagliabile generosità, negli anni è stato sotto le luci della ribalta anche per alcune sue affermazioni che che non sono passate certo inosservate. 

Tevez segna e indossa la maglia che fu di Maradona
Guarda la gallery
Tevez segna e indossa la maglia che fu di Maradona

Le frasi più celebri di Diego Armando Maradona

Nel 1978, quindi neanche 18enne, Maradona affermò: "Ho due sogni: il primo è giocare un Mondiale, il secondo è vincerlo".

Nel 1984, dopo lo sfortunato biennio al Barcellona, incalzato da un giornalista disse: "Mi stanno uccidendo, non possono più tenermi in questa incertezza. Il Barcellona deve decidere prima possibile se tenermi ancora oppure no. Ormai mi sembra quasi tutto fatto, tra l’altro l’offerta del Napoli non può che essere considerata ottima".

Nel giorno della sua presentazione dove lo accolsero 80.000 persone in estasi per il suo arrivo, Maradona affermò: "Voglio diventare l’idolo dei ragazzi poveri di Napoli, perché loro sono come ero io a Buenos Aires".

Maradona, l'omaggio del Boca: gigantografia alla Bombonera
Guarda la gallery
Maradona, l'omaggio del Boca: gigantografia alla Bombonera

Nel 1985, dopo aver assistito alla Messa del Papa Giovanni Paolo II, Diego, fra lo stupore dei cronisti raccontò quanto accaduto poco prima: "Ho litigato col Papa. Ci ho litigato perché sono stato in Vaticano, e ho visto i tetti d’oro, e dopo ho sentito il Papa dire che la Chiesa si preoccupava dei bambini poveri. Allora venditi il tetto amigo, fai qualcosa!"

Maradona dopo aver realizzato la doppietta decisiva in semifinale durante il Mondiale del 1986: "Non ho toccato io quella palla, è stata la mano di Dio".

Nel 1990 Diego in una intervista parla di un confronto avuto con Bigon: "Bigon ha detto di aver bisogno di undici persone che corressero. Allora gli ho fatto presente che non poteva contare su di me, io non ho mai corso in vita mia".

Maradona e Buenos Aires, l'addio dal cuore della città
Guarda la gallery
Maradona e Buenos Aires, l'addio dal cuore della città

Nel 1990, Maradona vuole andare via da Napoli: "La fine è molto vicina, ormai ho deciso, voglio ritirarmi. Gioco al pallone da quindici anni e voglio una vita più tranquilla. Sono stanco di lottare, solo, contro tutti, i giornalisti, i dirigenti. Voglio tornare a godermi l’Argentina".

Nel 1997, Diego disse: "Sono in molti a volermi dare una pistola perché mi uccida. Smettetela".

Nel 2010 parla di Lionel Messi: "Vedere giocare Messi è meglio che fare sesso".

Messi, omaggio a Maradona: segna ed esulta con la 10 dei Newell's Old Boys
Guarda la gallery
Messi, omaggio a Maradona: segna ed esulta con la 10 dei Newell's Old Boys

Corriere dello Sport in abbonamento

Riparte la Serie A

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Approfitta dell'offerta a soli 0.22 euro al giorno!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti