Var, interviene Nicchi: «Va seguito il protocollo»

Il presidente dell'Aia ha parlato anche delle lamentele di Inter e Torino: «A San Siro e a Udine ci sono stati errori di natura diversa»
Var, interviene Nicchi: «Va seguito il protocollo»© ANSA
TagsSerie AAia

ROMA - «Usare di più la Var? C'è un protocollo chiaro, e non è cambiato nulla dallo scorso anno: se gli arbitri lo seguono, è ok, se sbagliano non seguendolo è un errore. Il Var ha indicazioni chiare su come essere utilizzato, e purtroppo non cancella tutti gli errori...». Così il presidente dell'Associazione arbitri Marcello Nicchi interviene sulle polemiche domenicali, dopo le proteste di Inter e Torino e le dichiarazioni di Miccichè, numero uno della Lega di A che ha preannunciato la richiesta di un uso più esteso della Var. «Rispetto le opinioni di Miccichè e ne parleremo». Entrando nel vivo delle decisioni, Nicchi ha sottolineato che i casi di Inter e Torino sono stati diversi. «In Inter-Parma Manganiello e la videoassistenza hanno commesso due errori non andando a rivedere come da protocollo, avrebbero dovuto far uso del supporto video: sul tocco di mano di Dimarco in area e su un fallo di Gagliardini che purtroppo però l'arbitro non aveva visto: poteva essere sazionato col giallo o col rosso, ma la Var doveva chiamarlo». A Udine, invece, Valeri ha contravvenuto le disposizioni del designatore Rizzoli: «In casi del genere - ha aggiunto Nicchi - la Var non c'entra: la disposizione del designatore dice di far finire l'azione, per poter poi valutare se c'è fuorigioco con l'uso del video. Se invece la fermi prima, la Var non può più intervenire. E qui non è neanche più questione di protocollo. Ha sbagliato per precipitazione».

Spalletti sicuro: "Ci manca un rigore"
Guarda il video
Spalletti sicuro: "Ci manca un rigore"

 

Serie A, i migliori video

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti