Fiorentina-Juventus 0-3: Bentancur-Chiellini-Ronaldo

Il gol dell'uruguaiano nel primo tempo apre i giochi, un'acrobazia del difensore e il rigore di CR7 li chiude: +11 sul Napoli
Fiorentina-Juventus 0-3: Bentancur-Chiellini-Ronaldo© ANSA
Vladimiro Cotugno

ROMA - Sporcata prima del calcio d'inizio da scritte orribili fuori dal Franchi, Fiorentina-Juventus in campo sentenzia il dominio juventino sul campionato italiano: tris senza appello ai viola che ringhiano ma non riescono a mordere, colpiti da Bentancur nel primo tempo e abbattuti dall'uno-due Chiellini-Ronaldo nella ripresa. Allegri gongola e vola, 40 punti su 42, un cammino a tappe forzate per il progetto di blindare il campionato con largo anticipo e potersi dedicare con tutte le energie alla Champions nel momento decisivo della stagione.

IL VAR AIUTA ORSATO - Non c'è Pjaca nei viola, tridente con Gerson a supporto di Chiesa e Simeone. Benassi con un siluro spaventa i bianconeri dopo neanche due minuti, Mandzukic si becca un giallo ingenuo dopo 10' e Orsato grazia Ronaldo che ne meritava un altro poco dopo. Una punizione sulla barriera di Biraghi e un disimpegno di Chiellini deviato da Edimilson nelle braccia di Szczesny, poi due penalty chiesti dai bianconeri: cross di De Sciglio deviato con il braccio da Milenkovic - Orsato all'on field review rileva il tocco precedente con la schiena che scagiona il viola - e contatto Ronaldo-Pezzella che non sembra sufficiente per fischiare una massima punizione.

Fiorentina-Juventus: i bianconeri chiedono il rigore, Orsato e il Var lasciano correre
Guarda la gallery
Fiorentina-Juventus: i bianconeri chiedono il rigore, Orsato e il Var lasciano correre

BENTANCUR, GOL ALLA MARCHISIO - Sono comunque i segnali di una pressione bianconera che sfocia nel vantaggio alla mezz'ora: Bentancur chiede e ottiene il triangolo sulla trequarti a Dybala, si porta il pallone sul sinistro ignorando il passaggio a Ronaldo e incrocia rasoterra prendendo in controtempo Lafont. Un gol alla Marchisio per l'uruguaiano (il secondo in assoluto e in questa stagione dopo quello all'Udinese), passato dai malumori di inizio stagione per lo scarso utilizzo a colonna portante della collezione Juve autunno/inverno 2018. Si riparte e subito occasionissima per il pari fallita dalla Fiorentina - palla velenosa sporcata prima da Benassi e poi da Simeone senza forza - poi tentativi da fuori: una stoccata di Ronaldo che sibila vicino al palo, un destro di Chiesa in bocca a Szczesny e un esterno di Cancelo di poco a lato. Prima dell'intervallo un'altra punizione dal limite, stavolta sprecata da CR7.

Chiellini depone i fiori per Astori
Guarda la gallery
Chiellini depone i fiori per Astori

PRESSIONE VIOLA. DENTRO PJACA - Ripresa che riparte senza cambi, con un nuovo tentativo di Benassi e i gialli a Bentancur e Vitor Hugo (diffidato). Pressione Fiorentina: Chiesa si vede respingere il destro da Szczesny, poi è Vitor Hugo di nuovo protagonista in negativo quando di fatto respinge l'assist di Biraghi invece di concludere a rete. Ancora Chiesa da fuori, piattone debole, poi è Milenkovic a finire sul taccuino di Orsato fermando Cancelo al limite: punizione di CR7 che Lafont mette in angolo. Pioli lancia l'ex al 65': fuori Benassi, dentro Pjaca.

Fiorentina-Juventus 0-3: Bentancur, Chiellini e Ronaldo
Guarda la gallery
Fiorentina-Juventus 0-3: Bentancur, Chiellini e Ronaldo

GOL CHIELLINI E RIGORE CR7 CONFERMATI DAL VAR - Veretout impegna ancora Szczesny, ma il gol che arriva è di nuovo bianconero: corner messo fuori area, Cuadrado di testa trova Chiellini che si coordina e in mezza rovesciata impegna Lafont, la palla prende un effetto strano e si infila in rete con Ronaldo e Edimilson a provare a deviarla senza riuscirci. Orsato aspetta il check del Var, poi convalida. Il raddoppio alza il nervosismo in campo - Pezzella duro su CR7: giallo - e manda in tilt la Fiorentina che accusa il colpo del ko a 10' dal termine: cross di Mandzukic che Edimilson intercetta con la mano, Orsato assegna il penalty, il Var conferma la decisione e Ronaldo spedisce di potenza sotto la traversa il suo decimo gol in campionato, agganciando Piatek in testa alla classifica cannonieri. L'esultanza spedendo il pallone in curva costa però l'ammonizione a CR7, che Allegri decide di richiamare per la prima volta in assoluto prima del fischio finale, inserendo Bernardeschi. Il finale vede anche Thereau (subito ammonito) e Kean in campo per un match che non ha più nulla da dire, se non il sancire ulteriormente lo strapotere della Juventus sul campionato italiano: +11 sul Napoli secondo, 40 punti in cascina, sei in più rispetto allo scorso anno quando inseguiva proprio gli azzurri, record assoluto della Serie A sulle 14 partite iniziali.

 

Serie A, i migliori video

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti