Sassuolo-Benevento 1-0: Berardi punisce Inzaghi, Consigli salva De Zerbi

Un calcio di rigore del talento calabrese dopo otto minuti permette ai neroverdi di salire provvisoriamente al 2° posto in classifica. Assedio campano dopo l'espulsione di Haraslin: traversa di Iago Falque, miracoli del portiere ex Atalanta su Insigne, Lapadula e Improta
Sassuolo-Benevento 1-0: Berardi punisce Inzaghi, Consigli salva De Zerbi© Getty Images
TagsSassuoloBeneventoSerie A

REGGIO EMILIA - Il Sassuolo torna al successo dopo il ko con l'Inter ed il pari con la Roma e lo fa al termine di un soffertissimo match in casa contro il Benevento. Sblocca Berardi dopo 8' con un calcio di rigore concesso per un tocco di mano nella propria area di Tuia poi, dopo l'espulsione di Haraslin, al Mapei Stadium è un assedio sannita. La traversa sullo splendido mancino a giro di Iago Falque e i miracoli di Consigli su Insigne, Lapadula ed Improta permettono a De Zerbi di volare, per almeno 24 ore, al secondo posto della classifica di Serie A.

Benevento steso da un rigore di Berardi! Tre punti per il Sassuolo
Guarda la gallery
Benevento steso da un rigore di Berardi! Tre punti per il Sassuolo

Le scelte di De Zerbi e Inzaghi

De Zerbi affronta il Benevento guidato nella stagione 2017-18, con una miracolosa salvezza soltanto sfiorata, affidandosi al 4-2-3-1: tra i pali c'è Consigli, linea a quattro di difesa composta da Toljan, Marlon, Ferrari Kyriakopoulos, chiavi del centrocampo nelle mani di Bourabia Locatelli e sulla trequarti l'estro di Maxime Lopez, Berardi e Haraslin al servizio dell'altro ex di giornata, Djuricic. La risposta di Pippo Inzaghi è il consueto Albero di Natale con Letizia, Tuia, Glik Barba a protezione di MontipòHetemaj, Schiattarella ed Improta in mezzo al rettangolo verde e la coppia Caprari-Ionita a supporto di Lapadula

Sblocca Berardi su rigore

Il Benevento porta al Sassuolo la riverenza che si nutre per le big: i centrali neroverdi vengono lasciati liberi di impostare, mentre il muro della Strega ingabbia gli avversari dal centrocampo in su. La tattica, in avvio, sembra pagare ed il primo squillo, non a caso, è di matrice sannita: è il 6' quando Lapadula si avventa di testa su un pallone scodellato in mezzo da Caprari, non trovando la porta per questione di centimetri. A scombinare i piani di Inzaghi, però, ci si mette soltanto due minuti più tardi l'ingenuo tocco di mano di Tuia sul cross di Maxime Lopez. Per l'arbitro Sozza non ci sono dubbi, è calcio di rigore e dal dischetto Berardi spiazza Montipò. Cambia il risultato al Mapei Stadium e con esso l'atteggiamento della formazione ospite, che ribatte colpo su colpo a caccia del pari, esponendosi al contempo a pericolose ripartenze: ne giova lo spettacolo, in un primo tempo frizzante e denso di occasioni da una parte e dall'altra. Per i padroni di casa sono Djuricic Kyriakopoulos i più ispirati, protagonisti di soventi fraseggi a ridosso dell'area di rigore giallorossa, le repliche campane sono invece affidate alla fantasia di Caprari, non sfruttata a dovere da Lapadula: l'attaccante italo-peruviano scuola Juve si divora l'1-1 al 36' calciando fuori ad un metro dalla linea di porta.

Assedio Benevento: traversa di Iago, miracolo di Consigli

C'è Roberto Insigne al posto di Hetemaj tra le fila del Benevento alla ripresa delle ostilità, De Zerbi non è pienamente soddisfatto di Haraslin e chiede a Boga d'intensificare il riscaldamento, ma la beffa è dietro l'angolo: al 49' l'esterno slovacco è sfortunato protagonista di un bruttissimo fallo ai danni di Letizia e, graziato in un primo momento da Sozza, lascia inevitabilmente il Sassuolo in 10 dopo l'intevento del Var. Il tecnico neroverde ridisegna la squadra gettando nella mischia Boga, Raspadori ed Ayhan, richiamando accanto a sé DjuricicMaxime Lopez Toljan, la contromossa di Inzaghi è invece Dabo per Ionita. È una fase del match in cui il Benevento attacca a pieno organico e il Sassuolo sfrutta ogni occasione possibile per respirare: al 58' Caprari è in ritardo di pochi decimi all'appuntamento con un pallone da spingere soltanto in porta, al 61' Consigli salva tutto sul piattone mancino di prima intenzione di Insigne, poi si ripete 120 secondi più tardi sul destro a giro di Improta. Assedio sannita al Mapei: al 65' Caprari ci prova con una volée da fuori che termina in curva, al 66' perde un tempo di gioco, sbattendo contro il muro eretto da Marlon, al 75' Improta non inquadra lo specchio da posizione favorevole. Inzaghi tenta il tutto per tutto e si gioca anche la carta Sau (per Barba), in uno schieramento a quattro punte (più Improta terzino!) e al 78' è decisivo Ferrari in una splendida chiusura in extremis, mentre Dabo mette paura a De Zerbi svettando in area sul conseguente angolo. Iago Falque, entrato al posto di uno stremato Caprari a 11' più recupero dal termine, porta una ventata di freschezza nelle sortite offensive giallorosse, ma se Lapadula non sfonda di potenza su MarlonImprota vanifica il cioccolatino dello spagnolo ex Juve e Toro, sfortunato all'84' con un pregevole mancino a giro che centra in pieno la traversa. Trema De Zerbi, che si copre con Muldur per Berardi: la "lenta ed affannosa" uscita dal campo del talento calabrese (che, ammonito, rischia tantissimo) scatena una mini-rissa prontamente sedata. Il cronometro segna il minuto 91 quando Consigli toglie letteralmente dalla porta il pallone girato di testa a botta sicura da Lapadula, poi si ripete al 94' su Improta. Sono le ultime, clamorose, occasioni: De Zerbi punisce oltremodo la sua ex squadra.

MisterCalcioCup “Torneo a Gironi”, crea la tua squadra ora

Serie A, i migliori video

Corriere dello Sport in abbonamento

Riparte la Serie A

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Approfitta dell'offerta a soli 0.22 euro al giorno!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti