Salernitana-Genoa 1-0: Djuric regala la prima vittoria a Castori

Il match dell'Arechi è deciso da un colpo di testa dell'italo-bosniaco. Ballardini perde Criscito per infortunio
Salernitana-Genoa 1-0: Djuric regala la prima vittoria a Castori© Ansa
TagsSalernitanaGenoaSerie A

SALERNO - Grazie a un colpo di testa di Djuric, leggermente deviato con la schiena da Maksimovic, la Salernitana conquista la prima vittoria stagionale in campionato. I ragazzi di Castori sfiorano il vantaggio già nella prima frazione di gioco con Gagliolo e Kastanos, ma è nella ripresa che legittimano il successo (clamoroso il palo colpito da Di Tacchio). I rossoblù, che si rendono pericolosi nel finale con Fares, Rovella, Ghiglione e Pandev e che perdono Criscito per infortunio, restano fermi a quota 5 punti in classifica. I granata salgono invece a 4.

Djuric eroe della Salernitana: Genoa ko e primo successo
Guarda la gallery
Djuric eroe della Salernitana: Genoa ko e primo successo

Salernitana-Genoa, le scelte di Castori e Ballardini

Castori recupera Ribery e lo schiera trequartista alle spalle di Simy e Gondo. Belec in porta, Ranieri, Gagliolo, Strandberg e Gyomber in difesa e L. Coulibaly, Kastanos e M. Coulibaly completano il 4-3-1-2 del tecnico della risposta della Salernitana. Ballardini, invece, schiera all'Arechi un Genoa con il 3-4-1-2: a protezione di Sirigu ci sono Maksimovic, Bani e Criscito, Sabelli e Cambiaso a tutta fascia, A. Touré e Badelj in mediana e Rovella a supporto della coppia offensiva Kallon-Bianchi.

Gagliolo sfiora l'eurogol: Salernitana-Genoa 0-0 al 45'

In avvio i ritmi sono bassi e la prima emozione la regalano dopo otto minuti Simy, protagonista di una bella girata, e Criscito, perfetto in chiusura. Il Genoa prova a farsi vedere dopo un quarto d'ora con una punizione dalla distanza, ma al 21' è ancora il nigeriano ex Crotone a rendersi pericoloso, con Sirigu che blocca a terra. I ragazzi di Ballardini alzano la pressione e Sabelli mette in difficoltà Belec con un insidioso cross, Bani è salvifico su Gondo, quindi doppia chance con Gagliolo al 32' (splendida volée sul bell'assist in rovesciata di Mamadou Coulibaly) e con Kastanos al 34' (super risposta in tuffo dell'estremo difensore avversario). L'altro Coulibaly, Lassana, alza bandiera bianca al 37': al suo posto in campo Di Tacchio. Un'incursione di Ribery spaventa la retroguardia rossoblù, ma è di Bianchi l'ultima occasione del primo tempo: in pieno recupero, l'attaccante classe 2000 prova un destro a giro che lambisce il palo alla sinistra di Belec.

Djuric decide Salernitana-Genoa

Si arrende anche Mamadou Coulibaly, toccato duro in chiusura di primo tempo: alla ripresa in campo al suo posto per la Salernitana c'è Obi. Sono ancora i padroni di casa a cercare la via della rete: ci prova Di Tacchio dalla lunga distanza, ma la sfera non inquadra lo specchio, quindi è il turno di Kastanos con una botta che, sulla ribattuta di Criscito, non sorprende Sirigu. Il Genoa si rivede al 54' con una bella iniziativa di Kallon, ma Touré spara alto, mentre Ekuban e Fares prendono il posto di Bianchi e Sabelli. La contromossa di Castori rivoluziona il reparto d'attacco (fuori Simy e Gondo, dentro Bonazzoli e Djuric), mentre al 62' il brutto infortunio rimediato da Criscito costringe Ballardini a gettare nella mischia Ghiglione, con conseguente passaggio al 4-2-3-1. Proprio il neoentrato si mette in luce con un'imbucata in area sulla quale Gagliolo rischia l'autogol, ma al 66' la Salernitana passa: corner di Kastanos, Djuric stacca di testa (l'ultimo gol in A sei anni e mezzo fa contro la Juve), leggera deviazione di Maksimovic con la schiena e 1-0 all'Arechi. L'italo-bosniaco ci riprova pochi istanti più tardi, ma viene chiuso in extremis in corner, mentre Di Tacchio sbatte contro la parte esterna del palo: la formazione granata domina e il tecnico dei liguri si gioca la carta Pandev in luogo di Toure, con Rovella che scala sulla linea dei centrocampisti. Nel finale il Genoa cerca il forcing e l'occasione più ghiotta capita sui piedi di Fares e, dopo la parata di Belec, su quelli di Rovella, con Ranieri che, prima di far posto a Jaroszynski, salva tutto. Grifone a un passo dal pari anche all'83' (bellissimo cross di Ghiglione che non trova in mezzo la deviazione decisiva), all'87' (Belec si oppone a Pandev) e al 92' (miracolo del portiere dei campani che, con l'ausilio del palo, respinge la punizione di Rovella).

Serie A, i migliori video

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti