Fiorentina, rivincita Kouame: il gol era in valigia

Ha costretto Italiano a rivedere le gerarchie: il sorpasso a Ikoné e la benedizione di Commisso
Fiorentina, rivincita Kouame: il gol era in valigia© SESTINI MASSIMO
3 min
Ilaria Masini
TagsFiorentinakouameJuventus

FIRENZE - Fra tanti nomi e milioni, alla fine spunta Kouame. Arrivato nel gennaio del 2020, Firenze lo scopre veramente nel settembre 2022 quando entra nella storia viola per aver segnato una rete con la Juventus. Chi realizza un gol contro la formazione bianconera rimarrà comunque di diritto nella memoria dei tifosi per anni nel capoluogo toscano. In più è riuscito a stravolgere le gerarchie fra gli attaccanti esterni e ha fatto centro sotto la curva Fiesole, mentre tutti si aspettavano un guizzo dal blasonato Jovic. Ma la stagione dell’ivoriano era in realtà già andata oltre le aspettative: un assist per Bonaventura contro la Cremonese alla prima giornata di campionato e ancor di più una continuità di presenze e prestazione che l’attaccante aveva soltanto sognato.

Da (quasi) partente, con la valigia perennemente pronta, è diventato un punto di riferimento di Vincenzo Italiano che lo ha utilizzato in tutte le partite di serie A, tranne nella trasferta di Empoli quando è rimasto in panchina. La sua permanenza è stata fortemente voluta pure dal presidente Rocco Commisso e così, una dopo l’altra tutte le pretendenti sul mercato, sono rimaste alla finestra senza affondare: soprattutto il Brighton ma pure l’Anderlecht in cui aveva fatto bene in prestito l’anno passato.

Kouame risponde a Milik, Jovic sbaglia un rigore: 1-1 tra Fiorentina e Juve
Guarda la gallery
Kouame risponde a Milik, Jovic sbaglia un rigore: 1-1 tra Fiorentina e Juve

Cifre e gerarchie

Subito dopo aver segnato domenica pomeriggio si è inchinato sotto la Curva Fiesole e poi ha fatto esplodere la sua gioia a parole: «Sono orgoglioso del mio gol e ho aspettato tanto un momento così». Ha chiaramente sofferto ed è rinato. Kouame è arrivato dal Genoa a Firenze per 11 milioni nel gennaio 2020, infortunato. È rientrato in campo l’8 luglio contro il Cagliari dopo mesi durissimi anche sul piano psicologico. Forse anche questa sofferenza lo ha rafforzato sul piano caratteriale e lo ha spinto a non arrendersi mai, neanche quando sembrava l’ultima delle scelte nell’attacco della Fiorentina. E invece lui ha ribaltato le gerarchie. Ha convinto, giorno dopo giorno, l’allenatore che si poteva fidare e che una maglia dal primo minuto poteva anche consegnargliela. Italiano non ha perso tempo e alla prima giornata era già titolare con la Cremonese e ripagava con un assist. 

Calciomercato, il pagellone della serie A: Roma regina dell'estate
Guarda la gallery
Calciomercato, il pagellone della serie A: Roma regina dell'estate

Sorpresa

L’allenatore lo vede bene anche come punta centrale e non è detto quindi che le sorprese siano finite qui. Intanto nelle scelte del tecnico ha scavalcato Ikonè, fra l’altro suo grande amico, che è approdato a Firenze per 14 milioni più uno di bonus nello scorso mercato invernale. Ha “rubato” il mestiere a Jovic e a Cabral, approdato in viola nel gennaio 2022 per 16 milioni di euro. E, per motivi diversi, ha superato Nico Gonzalez che in questo inizio di stagione è alle prese con acciacchi e infortuni. L’argentino è il fuoriclasse del reparto, è costato 23 milioni più 4 di bonus, ma ad ora a fare la differenza è Kouame che 598 giorni dopo (era il 13 gennaio 2021 contro l’Inter in Coppa Italia) è tornato a far esplodere la sua gioia con la casacca viola.


Acquista ora il tuo biglietto! Vivi la partita direttamente allo stadio.

Commenti