Genoa, Nicola: "Gran partita, ma potevamo strappare un punto"

Il tecnico rossoblù: "Gli applausi dei tifosi a fine gara ci aiutano nel nostro percorso. Sono orgoglioso e arrabbiato. Errori? Frutto della qualità della Lazio"
Genoa, Nicola: "Gran partita, ma potevamo strappare un punto"© ANSA
TagsSerie AGenoanicola

GENOVA - "Straordinario l'applauso finale dei nostri tifosi, ci aiuta nel nostro percorso, ma dobbiamo essere orgogliosi e arrabbiati". Così Davide Nicola dopo la sconfitta casalinga con la Lazio e un forcing finale che non ha sortito gli effetti sperati. "Si poteva fare di più e strappare magari un punto - ha spiegato il tecnico del Genoa a DAZN -, ma mi tengo la prestazione. I numeri hanno detto che abbiamo fatto una gran partita, ma bisogna migliorare ulteriormente. Ora stacchiamo un giorno e poi torniamo a lavorare per essere ancora più competitivi. Oggi gli errori sono stati frutto della qualità dell'avversario, trovando subito il vantaggio si sono trovati nella miglior condizione per il loro modo di giocare. Non puoi giocare con queste squadre senza proporre, lavoriamo per commettere sempre meno errori. Due punte? La mia volontà è quella di sfruttare l'organico a disposizione, ci stiamo lavorando da un paio di settimane, migliorare le condizioni di Iago Falque e Destro, ma cerchiamo equilibrio per far convivere calciatori di qualità".

Lazio, cuore e gol: vittoria pure contro il Genoa per 3-2
Guarda la gallery
Lazio, cuore e gol: vittoria pure contro il Genoa per 3-2

"Le gare vanno lette nei 95' minuti e bisogna farsi sempre trovare pronti, mi piace la capacità di sentirsi gruppo che hanno i ragazzi, io conto su di tutti, più avanti alcuni giocatori si troveranno ad affrontare partite difficili. Reparto su cui lavorare di più? Noi dobbiamo lavorare da squadra, i reparti sono un'interpretazione all'interno di un'idea di gruppo, ma oggi è difficile dire che non si è lavorato bene, c'è solo da riconoscere il valore dell'avversario. Ho visto amarezza positiva a fine partita, magari 5 o 6 partite fa perdere con la Lazio sarebbe stato come timbrare il tabellino, ma oggi c'è una consapevolezza diversa. Scontri diretti? Credo che nel nostro cammino abbiamo fatto punti anche contro squadre che non hanno problemi di salvezza, ma non mi piace selezionare le partite, alla fine serve continuità di prestazione per averla anche con i risultati. Dobbiamo essere consapevoli di poter fare risultato contro tutti, questo farà la differenza" ha concluso Nicola.

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti