Origi all'Inter, ecco il vice Lukaku per Conte

L’attaccante del Liverpool già alternativa di Romelu nel Belgio, potrebbe bissare a Milano. Altra opzione: il Papu
Origi all'Inter, ecco il vice Lukaku per Conte© EPA
Andrea Ramazzotti

MILANO - In attesa dell'incontro tra Marotta, Ausilio e Conte, in programma domani alla ripresa degli allenamenti, i dirigenti e il tecnico concordano che gli innesti necessari per rinforzare la rosa sono due: un centrocampista e un attaccante. Adesso è necessario individuare una rosa di possibili innesti, tenendo conto che al momento la proprietà ha detto no alla possibilità di fare a gennaio un investimento analogo a quello di 12 mesi fa per portare Eriksen alla Pinetina. Se non cambieranno le prospettive, si andrà verso un mercato a saldo zero. La priorità è considerata la punta perché Sanchez sta recuperando da un infortunio all'adduttore e Pinamonti, dopo non essere praticamente mai stato utilizzato, ha le valigie pronte. Serve insomma un quarto attaccante e le opzioni sul tavolo solo diverse.

Hakimi, l'Inter si gode la sua nuova freccia
Guarda la gallery
Hakimi, l'Inter si gode la sua nuova freccia

Offerto Origi

Tra queste va inserito anche Divock Origi, il belga che in questa sessione invernale lascerà il Liverpool. I suoi agenti lo hanno proposto a metà Europa perché l'arrivo estivo di Jota alla corte di Klopp ha ulteriormente ridotto l'impiego dell'eroe della Champions 2018-19 alzata dai Reds. Ieri contro il West Bromwich ha collezionato appena la terza presenza stagionale in Premier ed è alla ricerca di un maggior spazio perché vuole conquistare una convocazione per gli Europei. L'Inter in teoria di spazio non potrebbe garantirgliene molto perché non ha neppure le coppe europee. Di sicuro in molte delle altre formazioni che hanno chiesto informazioni (il Liverpool lo lascerà partire in prestito) di possibilità ne avrebbe di più: il Wolverhampton, il Newcastle, il Brigton, l'Aston Villa e lo Schalke '04 sono tra quelle che finora hanno bussato alla sua porta. Il club nerazzurro però avrebbe un duplice vantaggio: il fascino di lottare per un grande obiettivo come lo scudetto e la possibilità di ritrovarsi come compagno il connazionale Lukaku, con il quale ha condiviso lo spogliatoio della nazionale. Con i Diavoli Rossi Divock non è stato convocato a novembre e dall'ultima volta in cui lui e Big Rom hanno giocato qualche minuto insieme sono passati 4 anni e mezzo perché sono stati sempre considerati alternativi. E siccome Lukaku è titolare inamovibile... Origi ha un fisico importante, ma anche buona tecnica ed è stato utilizzato in carriera pure come esterno a sinistra o seconda punta. [...]

Leggi l'articolo completo nell'edizione odierna del Corriere dello Sport - Stadio

Inter, i migliori video

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti