Dybala choc: "Mi sentivo senza fiato, questo virus non è una caz..."

Il fuoriclasse della Juve ha fornito ulteriori dettagli sulla positività al Coronavirus: “Tosse, freddo e mal di testa. E all'inizio hai tanta paura...". Sul taglio stipendi: "Non tutti erano d'accordo"
Dybala choc: "Mi sentivo senza fiato, questo virus non è una caz..."© LAPRESSE
5 min

TORINO - Paulo Dybala ha rivelato ulteriori dettagli sulla malattia. Il numero dieci della Juve, positivo al Coronavirus dallo scorso 21 marzo, ha raccontato di aver trascorso giorni difficili: “Avevo una brutta tosse, mi sentivo stanco e quando dormivo sentivo freddo - le sue parole ad AFA Play -. All’inizio non ho pensato a cosa potesse essere ma la cosa era successa ad altri due compagni (Rugani e Matuidi, ndr) e l’ultimo ero io. Avevamo mal di testa, ma era consigliabile non prendere nulla. Il club ci ha dato delle vitamine e col tempo ci siamo sentiti meglio”.

La fidanzata di Dybala: "Sta ancora male, volevamo scappare a Dubai"

Matuidi ancora in quarantena. La moglie: "Altri quindici giorni"

I gol di Paulo Dybala nella stagione 19-20

Dybala: “Questo virus non è una cazz...”

È una cosa psicologica, all’inizio hai paura ma adesso va bene. In questi giorni non abbiamo avuto sintomi - ha continuato la Joya -. Prima mi stancavo più in fretta. Volevo allenarmi ma dopo cinque minuti ero già senza fiato. E lì abbiamo capito che qualcosa non andava bene, poi i test ci hanno rivelato che eravamo positivi al virus”. Dybala ha anche illustrato la situazione italiana ai media argentini: “Ogni giorno qui muoiono molte persone, le cose vanno molto male. Non si riescono a gestire più i casi, ecco perché molti Paesi hanno inviato i loro medici. Non è una cazz…, bisogna stare attenti. Le persone devono stare a casa”.

Dalla Barriales a Oriana: quando l'allenamento a casa diventa sexy
Guarda la gallery
Dalla Barriales a Oriana: quando l'allenamento a casa diventa sexy

Dybala: "Ronaldo uno spaccone? Macché"

La mia frase su Messi? (“Difficile giocare con Leo”, ndr) Forse avrei dovuto dirla diversamente, non ho mai provato a criticare i miei compagni. Ne ho anche parlato con lui. Tatticamente siamo molto simili. Anche con Scaloni lavoriamo in modo da non pestarci i piedi in campo. Mi sarebbe piaciuto dare di più all’Argentina e ottenere risultati migliori sia in gruppo sia a livello personale. Al Mondiale e in Coppa America ho giocato poco. Ma ho sempre rispettato le decisioni dei ct, la Seleccion è prestigiosa”. Su Cristiano Ronaldo: “È una persona fantastica e molto socievole, tranquillissima all’interno e all’esterno dello spogliatoio. Dà l’impressione di essere uno spaccone, ma non ha nulla a che fare con tutto ciò. Una volta gli ho anche detto che in Argentina lo odiavamo per questo e si è messo a ridere…La sua risposta? 'Sì, lo so, sono abituato a ricevere queste critiche'”.

Dybala: “Taglio stipendi? Alcuni d’accordo, altri no”

Dybala ha anche svelato la trattativa legata al taglio degli stipendi. "Chiellini, che è il capitano, ha parlato col presidente e poi con noi. Mi ha chiamato, mi ha detto che il club ci chiedeva una mano perché oggi ha zero entrate. Si è arrivati a un accordo, ovviamente ne abbiamo parlato fra di noi nella chat di gruppo che abbiamo. C'erano diverse opinioni, ci sono giocatori a cui mancano una o due partite per attivare delle clausole e non sappiamo cosa succederà. È difficile mettersi tutti d'accordo e soprattutto su un tema così delicato ma alla fine siamo arrivati alla conclusione che era la cosa migliore da fare".


Acquista ora il tuo biglietto! Vivi la partita direttamente allo stadio.

Juve, i migliori video

Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti