La Juve ricorda Scirea: "Uomo unico e di statura incredibile"

Trentuno anni fa l'ex difensore moriva tragicamente in un incidente stradale. Il ricordo del club bianconero: "Ogni anno, fa male come quella domenica"

TORINO - Il 3 settembre di trentuno anni fa, era il 1989, moriva Gaetano Scirea a soli 36 anni. Un lutto che strinse nel cordoglio non solo la Juventus, squadra di "Gai", così come era affettuosamente chiamato, ma l'intero mondo calcistico e sportivo per l'immagine di sé che l'ex difensore aveva sempre regalato. Un uomo corretto in campo e fuori.

Scirea, il ricordo della Juve: inaugurata mostra al J-Museum
Guarda la gallery
Scirea, il ricordo della Juve: inaugurata mostra al J-Museum

La Juve ricorda Scirea

Oggi la Juve ricorda Scirea con un messaggio pubblicato sul sito ufficiale: "3 settembre 1989. Ogni anno, fa male come quella domenica. Una domenica di pioggia, in Polonia. Una domenica che si portò via Gaetano Scirea, quel giorno lontano da casa per visionare l’avversario che attendeva la Juventus in Coppa UEFA, il Gornik Zabrze. Se ne andò non solo un campione, un difensore eccezionale, un uomo di statura incredibile. Quel giorno, in Polonia, se ne andò una parte di noi. Perché Gai era una parte di noi, rappresentava tutti i nostri valori, e portava in campo un esempio di educazione, classe, sportività e umanità. Gai era parte di noi. Era tutti noi. E lo è ancora: per questo, oggi, come sempre, ci stringiamo insieme alla famiglia Scirea, nel ricordo di un uomo unico".

Commenti