Juve dai due volti, serve una soluzione

Anche Pirlo ha sottolineato la differenza di rendimento della squadra tra Serie A e Champions. Mancano i marcatori alternativi a Ronaldo e Morata. In Europa la qualificazione agli ottavi era già certa prima della vittoria contro la Dinamo Kiev, ma in Italia il Milan scappa ed è a +6.
Juve dai due volti, serve una soluzione© Juventus FC via Getty Images
Andrea Ramazzotti

INVIATO A TORINO - Nella notte in cui Cristiano Ronaldo ha segnato il gol numero 750 tra i professionisti, la Juventus si è scoperta ancora di più squadra dai due volti. In campionato ha 17 punti, frutto di 4 successi e 5 pareggi grazie a 18 reti segnate e 7 subite (miglior difesa del torneo); in Champions ha collezionato 12 punti grazie a 4 affermazioni e 1 ko con 11 gol realizzati e 4 incassati. In Serie A il distacco dal Milan capolista è di 6 lunghezze e poco conta che Chiellini e compagni non abbiano ancora perso; in Europa, a -3 dal Barcellona, i bianconeri avranno la possibilità di giocarsi addirittura il primo posto nel girone martedì prossimo al Camp Nou: in caso di successo con 2 reti di scarto si metteranno alle spalle Messi e soci e negli ottavi avranno il vantaggio del fattore campo.

Festa Juve, festa Ronaldo: 750° gol in carriera nel 3-0 alla Dinamo
Guarda la gallery
Festa Juve, festa Ronaldo: 750° gol in carriera nel 3-0 alla Dinamo


DIFFERENZE - Al netto del valore delle avversarie che in Italia è superiore (almeno rispetto alla Dinamo Kiev e al Ferencvaros), la Juventus ha funzionato meglio in Europa che in Italia anche se una cosa è rimasta comune: la difficoltà a trovare la via della rete con più uomini. La Signora ha finora segnato 25 reti e ben 19 di queste sono arrivate dalla coppia Ronaldo-Morata. Il marziano portoghese è già a quota 10 in 8 match giocati, mentre lo spagnolo è a 9 centri (3 in A e 6 in Champions). Gli altri? Considerato che c'è stata anche un'autorete, hanno fatto da spettatori o quasi. Ieri sera Federico Chiesa si è tolto la gioia del primo gol bianconero, ma sono troppo pochi coloro che hanno battuto il portiere avversario: oltre a Chiesa, l'impresa è riuscita a Dybala, Kulusevski, Rabiot e Bonucci. Servono bocche da fuoco alternative. E qualcosa da dire c'è anche sulla fase difensiva: in Champions la porta di Szczesny/Buffon è rimasta imbattuta 2 volte su 5 e all'andata contro il Ferencvaros la rete dei padroni di casa è arrivata sul 4-0, a partita finita; in Serie A i bianconeri hanno chiuso senza gol solo 3 volte su 9. D'accordo, hanno la retroguardia meno battuta del torneo, ma subendo anche 1 solo gol a volta, finiscono per non conquistare i tre punti come accaduto per esempio a Benevento.

SVOLTA - La stagione della Signora è a una svolta: il derby di sabato può dare l'accelerazione in campionato e poi, dopo martedì, la Champions andrà in naftalina. Pirlo potrà concentrarsi solo sulla rimonta scudetto, sperando di sistemare i problemi che ha. Non pare intenzionato a cambiare il 4-4-2, ma certo qualche aggiustamento lo dovrà fare. Il recupero di De Ligt in difesa è importante; gli servirebbe la giusta quadratura in mediana e soprattutto il miglior Dybala in attacco. Alla prima stagione su una panchina professionistica, però, il tecnico di Flero è in una situazione tutto sommato buona a inizio dicembre. Lo aiuta avere un certo Cristiano Ronaldo e la Juventus, se continua a fare passi in avanti, pare destinata a essere protagonista sia in Italia sia in Europa. Dopo 9 scudetti di fila, chi sperava il contrario, rimarrà deluso.

"La Juve, già qualificata, non vuole fare regali". Le ultime su Juventus-Dinamo Kiev
Guarda il video
"La Juve, già qualificata, non vuole fare regali". Le ultime su Juventus-Dinamo Kiev

Juve, i migliori video

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti