Di Maria, il messaggio ai tifosi Juve. Ansia per le condizioni

L'argentino è uscito alla fine del primo tempo a scopo precauzionale dopo una botta al polpaccio, ma ora ci si chiede in che condizioni sarà per la sfida alla sua ex squadra, il Psg
Di Maria, il messaggio ai tifosi Juve. Ansia per le condizioni© Getty Images
3 min

Un passaggio dei suoi nel primo tempo con la Fiorentina, ma si è visto che Angel Di Maria – al rientro e schierato titolare – non era al meglio dopo l'infortunio rimediato alla prima giornata. Così, tra il primo e il secondo tempo, a scopo precauzionale Massimiliano Allegri lo ha tolto dal campo inserendo al suo posto De Sciglio, anche per un colpo preso al polpaccio. La Juve non ha più trovato sbocchi, rintanata nella sua metà campo. Le condizioni del Fideo preoccupano: ce la farà a giocare in Champions martedì a Parigi contro i suoi ex compagni del Psg? E fisicamente come starà?

Di Maria dopo Firenze: “Non è il risultato che volevamo”

Al contrario di Allegri, Di Maria non si accontenta del punto portato via dal Franchi. Voleva di più l'argentino e lo dice a chiare lettere con un messaggio social: “Non è il risultato che volevamo ma continuiamo a fare punti e questo è importante. Abbiamo iniziato da poco e dobbiamo continuare a crescere partita dopo partita. Fino alla fine”. Insomma, nonostante tutto, la Juve resta imbattuta dopo cinque giornate: questo pare voler dire il Fideo.

Di Maria: preoccupazione per Parigi

Ci tiene, e tanto, Di Maria a esserci al Parco dei Principi davanti ai suoi vecchi tifosi. Ma da qui a martedì il tempo per recuperare dalla botta non è molto. Allegri gli ha risparmiato metà partita, questo è vero, per non correre rischi, scottato dalla precedente esperienza (per averlo tenuto troppo in campo contro il Sassuolo è arrivato l'infortunio muscolare), ma quali sono realmente le condizioni fisiche del giocatore?

Martedì sera Di Maria potrà scendere in campo dall'inizio? E che autonomia avrà? Seppure a sprazzi, anche a Firenze si è capito che la Juve già dipende dalle sue intuizioni. Uscito lui, ieri, si è spenta completamente la luce. Con il Psg di Mbappè, Messi e Neymar, servirebbe averlo al cento per cento, ma non sarà possibile. E se Allegri, un po' a sorpresa, decidesse di risparmiarlo per il campionato, magari inserendolo solo nel finale se la partita non fosse compromessa? In conferenza stampa, il tecnico bianconero ha fatto intendere che è più importante la Salernitana che la partita di Champions, visto che la qualificazione verosimilmente si gioca con Benfica e Maccabi. D'altro canto, come detto, il Fideo ci tiene eccome a sfidare i suoi ex compagni. Dagli allenamenti si capirà di più.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Juve, i migliori video

Commenti