Lazio sul filo: i tamponi sono una roulette

Oggi l’esito dei test fatti a 70 persone fra giocatori e familiari anche attraverso un drive-in a Formello. La società spera di non dover usare il jolly “rinvio”

© Getty Images
Daniele Rindone

L'ultimo giro di tamponi (datato ieri) è un giro di roulette russa per la Lazio, l’esito si conoscerà oggi. Inzaghi invoca misericordia. «Siamo molto ottimisti», s’è lasciato scappare a LaPresse il dottor Ivo Pulcini, direttore sanitario della società in merito ai responsi. Puntiamo spiccioli facendo scongiuri: Torino-Lazio di domani alle 15 si giocherà a meno di un’esplosione odierna di positività da coronavirus (la paura è che altri contagi si siano verificati a Bruges). [...]

Il rinvio, come da Comunicato ufficiale n. 51 del 2 ottobre scorso, redatto dopo il Consiglio di Lega (30 settembre-1 ottobre), può essere chiesto sfruttando un “jolly Covid”, utilizzabile solo una volta nell’arco della stagione. La Lazio vuole tenersi questa carta in caso di problemi futuri, la prossima settimana è previsto il match con la Juve (8 novembre).

Il resoconto

Inzaghi aspetta e spera di recuperare alcuni dei 9 giocatori persi dal post-Borussia in poi. Cataldi è stato tra i primi a finire tra gli indisponibili (prima del match di Champions con i tedeschi), potrebbe ottenere il via libera oggi. Poi sono spariti Strakosha, Armini (dopo il Borussia), Leiva (sostituito contro il Bologna) e Luiz Felipe (in panchina sabato sera). Tutti loro erano stati isolati nonostante i tamponi negativi, dunque non è stata comunicata nessuna positività. La società anticipa l’esclusione dal gruppo in caso di sintomatologia sospetta. Da lunedì, bloccati dai tamponi Uefa assieme a due componenti dello staff tecnico, sono finiti in isolamento domiciliare Immobile, Luis Alberto, Lazzari e Djavan Anderson. Per quest’ultimi 4 ci sono incertezze in merito alla disponibilità di domani: per loro la Lazio ha accettato l’esito dei tamponi Uefa nonostante due casi “borderline” (asintomatici e senza carica virale), prevede lo stop di 10 giorni. Per tornare all’ipotesi rinvio dovrebbero aggiungersi 6 giocatori a Ciro, Luis, Lazzari e Anderson. Va sempre ricordato che la Lazio, per la legge sulla privacy, non ha mai comunicato i nomi dei giocatori in isolamento, va anche sottolineata la differenza di soglie di positività che distingue i tamponi usati per il campionato e quelli dell’Uefa. Per i test europei è stata fissata una soglia più bassa. Il quadro dei convocabili si scoprirà soltanto oggi. I tamponi di ieri sono stati effettuati in tre modalità, hanno coinvolto giocatori e familiari, totale di 70 unità. Alcuni di loro si sono recati a Formello, sono stati testati in modalità drive-in.

Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna del Corriere dello Sport 

Lazio sempre più in emergenza
Guarda il video
Lazio sempre più in emergenza

Da non perdere





Commenti