Crotone-Lazio si gioca nonostante il nubifragio

Il match di oggi pomeriggio rischiava il rinvio a causa di una bomba d'acqua che sta allagando la città: la decisione però è quella di scendere in campo alle ore 15
Crotone-Lazio si gioca nonostante il nubifragio© ANSA

ROMA - Crotone-Lazio si gioca. Il match rischiava il rinvio a causa della complicata situazione in città per le forti precipitazioni di questa notte che hanno allagato moltissime vie e piazze. Crotone è per metà sotto un metro d’acqua. Le piogge torrenziali stanno creando notevoli disagi e gonfiano ulteriormente i corsi d'acqua, adesso a rischio esondazione. Il Comune invita la cittadinanza a restare a casa per ragioni di sicurezza e per non ostacolare il lavoro delle squadre di soccorso. In queste condizioni si pensava fosse  complicato vedere Crotone e Lazio scendere in campo oggi alle 15. E invece la decisione è stata questa dopo aver verificato la tenuta del campo che tutt'ora è in buone condizioni.

Crotone sommersa dall'acqua: match con la Lazio a forte rischio
Guarda la gallery
Crotone sommersa dall'acqua: match con la Lazio a forte rischio

Partita confermata, silenzio dalla prefettura

Al momento quindi la partita è confermata. Alle 13,15 il pullman lascerà l'albergo che ospita i giocatori della Lazio per portare la squadra allo Scida. Dalla prefettura non sono arrivate notizie differenti.

Il sindaco di Crotone: "Si dovrebbe giocare"

 "Se Crotone-Lazio, in programma alle 15, si giocherà? La partita allo stato attuale si dovrebbe giocare". Così a Radio Capital il sindaco di Crotone, Vincenzo Voce, dopo il nubifragio che ha colpito la città. "Mi risulta - aggiunge - sia stato fatto un sopralluogo e il campo era praticabile. Lo stadio è in centro, è uno dei quartieri meno colpiti".

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti