Friedkin torna alla carica, non è ancora finita con la Roma

Il 30 giugno si chiude il bilancio: questa data forse imprimerà la vera accelerazione
Friedkin torna alla carica, non è ancora finita con la Roma© ANSA
4 min
Roberto Maida

Due diligence, due date. L’operazione Roma non è ancora uscita dalla testa di Dan Friedkin e del suo staff, che provano a orientarsi nel magma di idee confuse raccolte tra gli analisti finanziari. Niente può succedere in tempi rapidi, naturalmente. Niente di decisivo, almeno. Eppure, nell’ambito di un percorso che si è autoalimentato fino a pochi metri dal traguardo, le intenzioni non sono cambiate: Pallotta vuole vendere, Friedkin vuole comprare.

Da lady Pastore ad Amra Dzeko: tutte le wags della Roma
Guarda la gallery
Da lady Pastore ad Amra Dzeko: tutte le wags della Roma

Friedkin alla Roma, ecco cosa può accadere

E allora attenzione alla prima data, che ha un valore simbolico e processuale: 30 aprile. Alla fine del mese, dopo il ritardo comunicato alla Consob, la Roma dovrà pubblicare la semestrale del bilancio approvata al 31 dicembre, che prevede perdite di esercizio di circa 87 milioni. In base all’evoluzione della pandemia, che dovrebbe consentire al mondo economico di ricominciare a produrre nel giro di qualche settimana, Friedkin potrà valutare l’impatto della crisi sul sistema calcio e sui conti del club. Solo in un secondo momento telefonerà a Pallotta chiedendo di rivedere il prezzo pattuito a dicembre, cercando un nuovo equilibrio. Nell’alta finanza di solito l’obiettivo viene raggiunto, quando le volontà dei negoziatori coincidono. Tutto adesso si gioca sul denaro e sulla lungimiranza: secondo l’intesa di Capodanno, Pallotta e la sua cordata avrebbero messo in cassa per il disturbo di otto anni di gestione circa 80 milioni di guadagno.

Friedkin, trattativa al ribasso con Pallotta

Nell’era dominata dal nemico invisibile, il Covid, si dovranno accontentare di molto meno, tenuto conto che già avranno sborsato il residuo dell’aumento di capitale al quale Friedkin avrebbe partecipato se fosse entrato in gioco nei tempi stabiliti all’inizio dell’inverno. Pallotta potrebbe giudicare non conveniente l’uscita, seguendo la più elementare regola dei giocatori di Borsa: quando il titolo scende, non devi vendere. Ma la stanchezza di un investimento che non ha fruttato quanto sperato (lo stadio di proprietà) e promesso (trofei che avrebbero migliorato il fatturato) può prevalere, soprattutto se nella seconda data di questa storia la situazione dovesse rivelarsi drammatica: parliamo del 30 giugno, giorno in cui le aziende chiudono il bilancio. Per la Roma, al netto degli aggiustamenti fiscali e del taglio degli stipendi concordato responsabilmente con i giocatori, si annuncia un passivo molto grave che Pallotta, già consapevole dei debiti strutturali della società convertiti in un bond, potrebbe lasciare in eredità all’acquirente invece di risanare in proprio l’attività con una robusta iniezione di liquidi.

Leggi il resto dell’articolo sull’edizione del Corriere dello Sport-Stadio oggi in edicola

Totti scherza sul calcio a Balotelli: "Deve ringraziare che non l'ho preso bene!"
Guarda il video
Totti scherza sul calcio a Balotelli: "Deve ringraziare che non l'ho preso bene!"

Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti