Tiago Pinto, il retroscena: ecco perché la Roma lo ha scelto

A condurlo verso i Friedkin è stato Charles Gould, assunto nelle scorse settimane come consulente proprio per la ricerca del profilo più adatto
Tiago Pinto, il retroscena: ecco perché la Roma lo ha scelto
2 min
Roberto Maida

ROMA - «Chi amo tra i calciatori della Serie A? Impazzisco per Ibrahimovic e Dybala». Così raccontava in un’intervista estiva Tiago Pinto, che all’epoca non immaginava di lasciare il Benfica per la Roma. Ma una volta insediatosi a Trigoria, non casualmente in coincidenza con il mercato di gennaio, dovrà approfondire la conoscenza del mercato italiano per incidere sul rinnovamento della squadra già dalla prossima estate. A condurlo verso i Friedkin è stato Charles Gould, assunto nelle scorse settimane come consulente proprio per la ricerca del profilo più adatto a guidare l’area sportiva della Roma.

La Roma ritrova Spinazzola e Perez
Guarda la gallery
La Roma ritrova Spinazzola e Perez

Il retroscena

Tiago Pinto era piaciuto alla proprietà già dopo il primo incontro. La giovane età non costituiva un deterrente. Ma è chiaro che i Friedkin volessero esaminare accuratamente tutti i dirigenti contattati, prima di impegnarsi. E quando hanno capito che un altro portoghese, Luis Campos, non era disponibile a spostarsi da Montecarlo, hanno rotto gli indugi. Hanno chiesto un altro incontro a Tiago Pinto, stimato dallo stesso Campos, e poi lo hanno ingaggiato, accettando di aspettarlo ancora un mese e mezzo per consentirgli di lasciare il Benfica senza strappi.

Roma, Tiago Pinto nuovo general manager
Guarda il video
Roma, Tiago Pinto nuovo general manager


Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti