Fonseca: "Scudetto? È presto per dirlo. Stiamo bene, siamo forti"

Le parole del tecnicoo giallorosso alla vigilia della sfida contro l'Atalanta: "Contro l'Atalanta farò pochi cambi. Dzeko sta molto bene, ho scelto il portiere"
Fonseca: "Scudetto? È presto per dirlo. Stiamo bene, siamo forti"© LAPRESSE

ROMA - La Roma è pronta a volare a Bergamo per il big match di domani pomeriggio contro l'Atalanta. La squadra giallorossa è reduce da due vittorie consecutive contro Bologna e Torino, contro i nerazzurri cercherà i tre punti per continuare la scalata in classifica e consacrarsi tra le favorite per la qualificazione alla prossima Champions League. Paulo Fonseca questo pomeriggio è intervenuto in conferenza stampa per presentare la gara. 

Scelte legate alle poche ore di recupero?
"Il tempo del recupeeo non è molto, io penso che farò due o tre cambi. Non voglio cambiare molto in questo momento, la squadra sta bene. Non abbiamo avuto molto tempo per recuperare ma non cambierò molto".

Roma, Ibanez vuole giocare: la rivincita contro Gasperini e l'Atalanta

La Roma non vince con l'Atalanta dal 2017. Duelle molto fisici in campo, come risponderà?
"Questa è una partita diversa, contro un avversario molto forte fisicamente. Vediamo domani, può giocare Villar, Cristante... Farò una scelta in funzione della stategia". 

Per lo scudetto c'è anche la Roma?
"Siamo a dicembre, tutte le squadre sono molto vicine e possono arrivare tra le prime quattro. Noi vogliamo faremeglio della scorsa stagione, quindi entrare in Champions. È presto per parlare delle ambizioni".

Il ritorno di Totti alla Roma: ipotesi sempre più lontana 

Preferiva l'inizio della stagione quando si parlava poco della Roma, o è meglio adesso che si esalta la squadra?
"Voglio che ci sia equilibrio. Quando vinciamo una partita non siamo i migliori e quando perdiamo non siamo i peggiori. Ci vuole sempre equilibrio". 

Pedro è sembrato un po' appannato, a Bergamo sarà titolare?
"È un giocatore importante per la nostra squadra, può esseree una soluzione domani". 

Si aspetta più gol da Dzeko?
"Sta molto bene e sta facendo un lavoro molto importante per la squadra. Ha segnato quattro gol ma ha partecipato molto all'azione. Questo è importante". 

Roma, l'industria del gol: media di 2,2 reti a partita. Mkhitaryan è il trascinatore

Mirante o Pau Lopez?
"Ho scelto, vedrete domani". 

Che cosa è cambiato dalla scorsa stagione?
"Abbiamo un anno e mezzo insieme, è normale che la squadra sia più forte. Sono arrivati giocatori che hanno trasfoermato la squadra e siamo più forti. La squadra conosce di più il mio gioco". 

Affrontate una squadra che marca a uomo, chiederà ai suoi centrali di sfidare?
"È una partita diversa, ma noi non cambimo la nostra identità. Cambierà naturalmente la nostra strategia". 

Tutte le notizie sulla Roma

È un test per capire le ambizioni della Roma?
"È sempre molto difficile affrontare l'Atalanta. Noi vogliamo vincere, cambiano solo le caratteristiche della partita". 

La Roma migliorata o l'Atalanta normalizzata?
"L'Atalanta continua ad essere forte. È una partita molto fisica, ma noi siamo più forti fisicamente"

Roma, Carles Perez: "Firmo per la Champions, ma puntiamo anche più in alto"

Corriere dello Sport in abbonamento

Offerta Speciale, sconto del 56%

In occasione della ripartenza delle coppe europee puoi leggere il tuo quotidiano sportivo a soli 23 centesimi al giorno!

Offerta valida solo fino al 15 Marzo 2021

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti