Darboe: “Sono pronto per Mourinho, posso fare anche il trequartista”

Il centrocampista: "Tutti vorrebbero essere allenati da lui. La Roma la conoscevo da piccolo grazie a Totti e De Rossi"
Ebrima Darboe (Roma): lesione del legamento crociato (recupero previsto entro gennaio 2023)© LAPRESSE
2 min
TagsRomaDarboe

ROMA - Ebrima Darboe, centrocampista della Roma sbocciato sul finale di stagione, ha rilasciato un’intervista a ultimouomo.com. Queste le sue parole sulla sua esperienza in giallorosso: "Conoscevo la Roma per Totti e De Rossi, guardavo sempre le loro partite. Da piccolo alcuni mi chiamavano Xavi, altri Messi Giocavo a due o tre tocchi. Questo è il mio stile di gioco. Diventare un professionista? Lo speravo, ma non così velocemente. I Gambia giocavo con gli amici, la squadra del paese, tra amici. In Italia è stato tutto molto diverso. In Gambia non allenavamo le basi. Andavamo in campo, undici contro undici, e giocavamo. Già a Rieti, quando ho iniziato a giocare, qualche esercizio lo facevamo, controlli, portare palla... Giocavo da solo, la mia squadra era scarsa ma io facevo 4 o 5 gol, loro giocavano tutto su di me. Io ero trequartista, prendevo palla e facevo gol. Per questo alla Roma, all’inizio, ho avuto qualche difficoltà. La tattica è stata difficile da imparare".

Sull'arrivo alla Roma.
"I primi anni con De Rossi infatti sono stati complicati, è stato lui a farmi capire come dovevo inserirmi. Il mister mi ha insegnato molte cose: gli inserimenti, ad esempio, che prima non facevo. Perché volevo sempre la palla sui piedi. Il ruolo? Per me è uguale. Dipende dal modulo, ma posso fare anche il trequartista, come all’inizio. Daniele De Rossi mi dava sempre consigli, mi ha aiutato tanto".

Le tante attenzioni dei romanisti.
"Io sono molto tranquillo. Spero che questo sia solo l’inizio. Ho tanto da fare ancora, non basta fare due partite bene per essere arrivato. Ho ancora molto da dimostrare. Fisicamente voglio migliorarmi tanto. Penso che mi serve e ci sto lavorando".

La stretta di mano di Pogba.
"Ho fatto il tifo per lui anche durante il Mondiale. È uno dei giocatori che mi ispirano. Come De Bruyne, Bruno Fernandes, Pellegrini".

Su Mourinho.
"Penso che tutti i giocatori vorrebbero essere allenati da Mourinho. Io lo guardavo da piccolo, nel clasico. Vuole giocatori coraggiosi? Sono pronto".


Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti