La sorgente creativa di Dybala

La sorgente creativa di Dybala© ANSA
3 min
Alessandro Barbano
TagsRomaMourinho

È una Roma al risparmio energetico, com’è costume dei tempi, quella che sonnecchia inconcludente nel primo tempo, e si accende nel secondo con la fantasia di Dybala. A conferma di come l’argentino sia, prima ancora che il top player che assicura il risultato, la sorgente di ogni creatività. Con il suo ingresso non solo buca al primo tiro la trincea dei finlandesi, ma apre una breccia all’ostinazione di Zaniolo. E i giallorossi dilagano contro un avversario incapace di qualunque reazione, arroccato com’è in un quattro-quattro-uno più corto che si può, dopo l’espulsione di Tenho al 15’.

Magia di Dybala, Pellegrini e primo centro di Belotti: tris Roma all'Helsinki
Guarda la gallery
Magia di Dybala, Pellegrini e primo centro di Belotti: tris Roma all'Helsinki

Mourinho ha molti motivi per rallegrarsi. Ha gestito per oltre un mese con il minor danno possibile la doppia assenza di Wijnaldum e Zaniolo, grazie a un centrocampo che poggia sulla compassata saggezza di Matic e Cristante. È un assetto certamente incompleto e inadeguato a una squadra che punti al vertice, tanto più perché non può giovarsi della spinta sulle fasce di due esterni di qualità. L’unico a disposizione del tecnico portoghese, Spinazzola, non è ancora che una controfigura di quel compressore instancabile perduto nella scalata all’Europeo di Mancini.  
E tuttavia, pur con questi limiti di struttura, Mourinho ha forgiato una squadra che, con l’ispirazione del suo fuoriclasse, davanti può sorprendere e colpire chiunque. Se pure il gioco che macina parte sempre più lento di quanto potrebbe, la fantasia dalla trequarti in su compensa lo scarso investimento nel contropiede, che pure avrebbe davanti uomini adatti a sfruttarlo. Quanto alla difesa, Smalling, Ibañez e Mancini hanno fin qui cucito, al netto di qualche entrata fuori tempo dell’inglese, una cerniera ermetica davanti alla porta di Rui Patricio. Il passaggio dalla difesa a tre a quella a quattro, provata ieri da Mourinho in superiorità numerica, potrebbe rivelarsi una soluzione utile anche in campionato. Facilita lo spostamento del baricentro in avanti, ancorché richiede ai trequartisti di ripiegare in copertura.  
L’Atalanta dirà domenica all’Olimpico se il punto di equilibrio raggiunto dai giallorossi tiene anche alla pressione e alla rapidità di una big in stato di grazia. La posta in palio della gara è già alta. Non tanto per la classifica, raccolta in un gruppone di vetta, ma per consolidare la fiducia nei propri mezzi che, per una squadra in costruzione, vale ancor più del risultato. 
Il lento recupero del capitano della nazionale olandese impone alla Roma una lunga apnea. Immaginare che a trattenere il fiato possano essere sempre Matic e Cristante forse può risultare un azzardo. L’impiego di Camara, fin qui limitato a piccoli spezzoni di gara, può essere un’opzione che Mourinho farebbe bene a esercitare con maggiore coraggio.  


Commenti