Bove, il rapporto con Mourinho e la finale: "Per i tifosi della Roma"

Il talento giallorosso ha parlato del cammino europeo che terminerà con la sfida al Siviglia del 31 maggio: ecco che cosa ha detto
Bove, il rapporto con Mourinho e la finale: "Per i tifosi della Roma"
4 min

Rivivendo il cammino della Roma in Europa League Edoardo Bove ha rilasciato una lunga intervista alla Uefa raccontando le sue sensazioni per la finale europea di Budapest che vedrà la sfida tra giallorossi e Siviglia alla Puskas Arena. Nel corso delle dichiarazioni il talento della Primavera ha ammesso: "Fin da quando ero molto piccolo mi piaceva tantissimo lo sport in generale, soprattutto i giochi col pallone. Da ragazzo giocavo regolarmente a tennis e per circa cinque o sei anni ho giocato sia a tennis che a calcio. A un certo punto ho dovuto fare una scelta, anche se ero abbastanza bravo in entrambi. Vedendo quanta strada ho fatto, credo di aver fatto la scelta giusta alla fine. Cosa ho provato quando sono arrivato a giocare nelle giovanili della Roma? È sempre difficile spiegare queste sensazioni: è come cercare di spiegare cosa si prova a segnare un gol all'Olimpico o ricevere la prima chiamata dal club. Sono emozioni molto forti. Nel complesso, la maggior parte delle persone risponde a questa domanda dicendo che si tratta di un'emozione "indescrivibile". Ma è davvero così. All'inizio, la cosa più importante per me era divertirmi. Poi, man mano che cresci, inizi a capire il significato di giocare per la Roma e inizi a sentirti davvero parte di questo club." 

Bove e il rapporto con Mourinho

Il giocatore giallorosso ha proseguito poi parlando del suo rapporto con Mourinho dichiarando: "Questo è un punto di partenza. Ho appena iniziato ed è per questo che voglio continuare su questa strada e continuare a giocare bene. Devo essere grato per la fiducia che hanno in me in questo momento, e questa è la cosa più importante. Sono molto felice di questo. Il mister è una persona speciale per me perché è una persona vera. Ci tratta tutti alla stessa maniera e questo è molto importante. Se ha qualcosa da dirti, te lo dice in faccia, e io preferisco le persone così. Mi sono trovato bene con lui fin dall'inizio. Naturalmente mi ha anche aiutato a crescere. Tutte le sue indicazioni mi hanno aiutato molto e sono felice della fiducia che ha in me."

Bove, le parole sul gol contro il Leverkusen

La doppia sfida tra Roma Leverkusen è stata decisa proprio dal gol di Bove e il talento giallorosso ha spiegato le sue sensazioni sulla rete segnata ammettendo: "Il gol contro il Leverkusen è stato il culmine di tutto il lavoro che ho fatto qui negli ultimi due anni con l'allenatore, con lo staff, con la Roma. Forse i primi gol sono stati istintivi, tipici di un giocatore giovane e inesperto. Ma bisogna lavorare duramente in allenamento per dimostrare in campo cosa sai fare veramente. E quando ci riesci in partita, è davvero fantastico. Cosa ho provato quando ho visto la palla entrare in rete? È difficile rispondere a domande come queste, perché tutto accade così rapidamente. In quel momento tutto è confuso."

Le parole di Bove sulla finale contro il Siviglia

Al termine dell'intervista concessa alla Uefa Bove ha rivolto un pensiero anche alla finale di Europa League contro il Siviglia: "Mi aspetto una finale all'altezza perché durante l'anno abbiamo meritato di essere lì, quindi siamo molto contenti. Anche loro lo meritano. Il Siviglia viene dalla Champions League, quindi merita ancora di più il posto in finale. Per questo siamo molto contenti e lo siamo anche per i tifosi. Come sarebbe vincere? Bellissimo, come sarebbe bellissimo vincere qualsiasi finale. Una finale è una partita diversa da tutte le altre."


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti