Roma, caso Smalling: non torna nemmeno dopo la sosta. Cosa sta succedendo

Il difensore è ancora out e non si sa quando sarà a disposizione di Mourinho: l'allenatore è preoccupato
2 min
Roberto Maida

ROMA - Ancora niente Smalling. Neppure la sosta, salvo miracoli, restituirà alla Roma il difensore più forte. I problemi al ginocchio non sono spariti e richiederanno una paziente terapia conservativa, che il professor Andy Williams ha leggermente ritoccato dopo il recente consulto a Londra. Impossibile in questo momento stimare il giorno del rientro: il 26 novembre, giorno della partita contro l’Udinese, saranno passati quasi tre mesi dall’ultima partita giocata da Smalling.

Smalling fermo ai box: Mourinho preoccupato 

La preoccupazione di Mourinho è alta, soprattutto perché mancano le alternative in difesa: aspettando Kumbulla, che nel giro di un mese dovrebbe tornare arruolato, la Roma deve augurarsi che Mancini (ora diffidato), Llorente e N’Dicka non prendano mai un raffreddore o una squalifica. Altrimenti Mourinho dovrebbe arretrare Cristante. Se non altro però tra due settimane dovrebbero essere in buona forma Dybala e Renato Sanches e Pellegrini tornerà a disposizione. Con una rosa qualitativamente e quantitativamente più ricca farà meno paura il ciclo di sfide che attendono la squadra: dopo Udinese e Sassuolo, inframmezzate dalla trasferta di Europa League contro il Servette, il calendario propone sei scontri diretti consecutivi tra dicembre e gennaio. Per la Roma è il momento della verità


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti