Torino, Ansaldi a tutto campo: "Il mio più grande pregio è l'umiltà"

Sui canali ufficiali del club l'esterno argentino si è raccontato dentro e fuori dal terreno di gioco
Torino, Ansaldi a tutto campo: "Il mio più grande pregio è l'umiltà"© Getty Images

TORINO - Cristian Ansaldi si è raccontato ai canali ufficiali del Torino. Nella video intervista di cui l'esterno argentino è stato protagonista si è parlato di fede: "Il mio libro preferito è la Bibbia, e il mio eroe nella storia è Gesù"; ma anche di famiglia: "La gioia più grande è stata la nasciata dei miei figli, mentre la delusione più cocente fu la separazione dei miei genitori, visto che il mio eroe nella vita è mio padre". Insomma, si è parlato di lui a trecentossessanta gradi: "Il mio pregio più grande è l'umiltà, ma dovrei anche saper ascoltare di più. Fuori dal terreno di gioco serve responsabilità, che si parli di uomini o donne, mentre nel calcio serve disciplina, sia da parte dei giocatori che degli allenatori. Mi piace il tennis, con Federer e Nadal che sono i miei campioni preferiti al di fuori del calcio, dove l'idolo è Messi. Partita indimenticabile? Rubin Kazan-Barcellona. Sin da piccolo sarei voluto diventare il calciatore: era l'unica cosa che sapevo fare". L'intervista ad Ansaldi è stata per i tifosi anche l'occasione per saperne un poì di più sul loro idolo al di fuori del terreno di gioco: "Mi piace la musica romanitca - ha affermato - mentre il mio animale preferito è il serpente. Nel mio menù ideale ci sono milanese con purè e Coca-Cola zero, mentre al cinema adoro Julia Roberts e Mel Gibson, protagonista del mio film preferito Braveheart". Il messaggio ai tifosi non poteva essere più esplicito: "Forza Toro!" è stato il saluto finale ai sostenitori granata.

Sala lancia lo Spezia: crolla il Torino di Juric
Guarda la gallery
Sala lancia lo Spezia: crolla il Torino di Juric

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti