Palermo freme, ma dà ancora fiducia a Corini

Il dg Gardini interviene sul momento dei rosanero: «C’è un progetto che va alimentato tutti insieme»
3 min
Antonio La Rosa
TagsPalermo

PALERMO - Non arrivano i risultati? La società c’è e “interviene” confermando la fiducia al tecnico Eugenio Corini. Il messaggio è firmato Giovanni Gardini e non è un caso che ieri, a margine della seduta pomeridiana della squadra al “Tenente Onorato” di Boccadifalco alla quale hanno assistito anche il ds Rinaudo e l’osservatore Zavagno, a parlare sia stato proprio il direttore generale rosanero. Dirigente che si espone raramente a livello mediatico e che ieri ha indossato per un giorno i panni di “uomo di campo” consapevole che in questo momento particolarmente delicato la sua presenza a contatto con allenatore e giocatori può avere un valore anche dal punto di vista psicologico. E il fatto che oggi arriverà in città Diego Gigliani, ad del Palermo e uomo del City Football Group, rientra in questo contesto.

Segnali

«La fiducia nei confronti di Corini - spiega Gardini - nasce nel momento in cui si sceglie di puntare su di lui. Un progetto a lungo termine come quello impostato con la nuova proprietà non può essere svalutato in un periodo di tempo così limitato. La chiave è il tempo. Che è un’opportunità anche se, e questo vale per tutti, non deve essere un alibi». La dirigenza, in ogni caso, si aspetta un cambio di rotta: «Siamo consapevoli del momento da cui dobbiamo e vogliamo uscire tutti insieme. Pensare che ci sia un colpevole è anacronistico e non confacente a quello che è lo spirito di ciò che vogliamo fare. La soluzione? Lavoro, sacrificio, abnegazione e attenzione. Siamo una famiglia e dobbiamo compattarci, bisogna uscire dal campo con la maglia fradicia di sudore. Non significa che finora questo non sia avvenuto, vuol dire solo che bisogna fare di più. Giocatori e staff devono continuare a lavorare e dare di più». Le idee sono chiare: «Avevamo messo in preventivo che ci potessero essere momenti negativi anche se i risultati non corrispondono alle aspettative. Rassicurare la piazza? Dobbiamo solo lavorare per il Palermo, la categoria va mantenuta per il bene della città e dei tifosi».

Aria di novità

Aprendo ieri le porte della seduta la società ha voluto dare un segnale. Un modo per invitare gli operatori dell’informazione a comunicare all’esterno e dunque alla tifoseria che nonostante le difficoltà il gruppo è sempre sul pezzo e sta facendo il possibile per uscire dal tunnel della crisi. Corini sa che la squadra, ancora alla ricerca di un leader e di punti di riferimento, ha bisogno di una svolta. Che potrebbe essere anche tattica se la formula relativa alla difesa a tre (nell’ambito di un 3-4-2-1 al cospetto di un 4-3-3) provata ieri verrà applicata sabato col Pisa. A scopo precauzionale hanno terminato l’allenamento prima del gruppo Floriano (dolore alla schiena) e Bettella. Sala ha svolto terapie e Segre un lavoro differenziato programmato al pari di Mateju che dopo una fase iniziale in gruppo ha proseguito in palestra. 


Acquista ora il tuo biglietto! Vivi la partita direttamente allo stadio.

Commenti