F1, bruciato merchandising Hamilton. Verstappen condanna il gesto: "Inaccettabile"

Il pilota Red Bull ha preso le distanze dagli ultras che hanno dato fuoco alle bandiere del britannico della Mercedes.
F1, bruciato merchandising Hamilton. Verstappen condanna il gesto: "Inaccettabile"© Getty Images
2 min
TagsF1hamiltonverstappen

ROMA - Max Verstappen ha preso le distanze dal gesto dei suoi tifosi, che in occasione del Gp d'Ungheria, in un video pubblicato sui social, hanno bruciato il merchandising della Mercedes di Lewis Hamilton. La rivalità tra il britannico e l'olandese si è infiammata nel 2021, con i due che hanno dato vita ad una clamorosa lotta per il titolo. A margine del successo sul tracciato di Budapest, nel tredicesimo appuntamento della stagione di Formula 1, il campione del mondo in carica ha condannato il gesto, definendolo "del tutto inaccettabile". Non si tratta neppure della prima volta che si verifica un episodio antisportivo dato che in Austria i tifosi Red Bull festeggiarono quando Hamilton finì contro le barriere.

Max condanna il gesto

"Non condivido affatto, è disgustoso - ha aggiunto Verstappen a proposito del video diventato virale - In generale, penso che il pubblico abbia fatto un bel tifo nel corso di tutta la gara, come dovrebbe essere. Quel filmato in cui viene bruciato il merchandising di Lewis, però, è davvero disgustoso". Come già accaduto in precedenza, sono proprio i diretti interessati ad invitare i loro tifosi ad essere più sportivi. Anche in occasione del Gp di Gran Bretagna, quando il pubblico locale fischiò Verstappen nell'intervista post-gara, Lewis li invitò a darci un taglio. Non è un caso, inoltre, che la Formula 1 abbia intrapreso la campagna 'Drive It Out', volta a scoraggiare gesti del genere.

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti