Ferrari, Motore 2 per voltare pagina a Miami

Lo useranno Leclerc e i “clienti”. Sainz: «Il mio Real ha mostrato che tutto può sempre succedere»
Ferrari, Motore 2 per voltare pagina a Miami© EPA
4 min
Fulvio Solms

Girare pagina è la missione che Formula 1 e Ferrari si sono date per il primo GP di Miami. La Formula 1 lo fa con il primo GP veramente “ammerigano” in cui lo show dovrebbe liberare tutto il suo potenziale grazie al glamour di Miami, sempre attendendo il ritorno nel 2023 di Las Vegas, non meno promettente. Nell’occasione sono stati anche comunicati i numeri della trimestrale, che parla di un raddoppio secco dei ricavi rispetto allo stesso periodo del 2021: da 180 a 360 milioni di dollari. Per Stefano Domenicali è «un inizio fenomenale».
A suo modo vuole girare pagina anche la Ferrari, per cancellare il molesto ricordo di Imola che s’era presentata recando le migliori promesse di felicità e poi se l’era rimangiate: l’errore di Charles Leclerc sul cordolo, il ritiro di Carlos Sainz (secondo GP di fila concluso nella ghiaia), e soprattutto l’en-plein ottenuto da Max Verstappen, 34 punti per effetto delle nuove regole sulla garetta Sprint, un bottino senza precedenti per un weekend di Formula 1. 

Secondo motore

Il primo modo di girare pagina è, per la Ferrari, lanciare il secondo motore della stagione: si tratta di un passo molto anticipato come avevamo preannunciato a inizio stagione, per la necessità di mettere in sicurezza l’affidabilità e i livelli di consumo del V6 riprogettato ex novo, e con idee innovative nell’alimentazione. 
A Miami lo montano la F1-75 di Leclerc e le quattro macchine clienti - Alfa Romeo e Haas -, non Sainz che ha già dovuto farvi ricorso a Imola e che, per inciso, è incappato nel disturbante imprevisto di un taglio alla fronte, incocciando contro una maglia di fil di ferro malmessa nella pitlane.
«Quando le cose vanno come sono andate a Imola devi metterle alle spalle perché non puoi farci nulla - ha detto lo spagnolo - Sono episodi (la toccata con Ricciardo dopo il via; ndr) fuori dal tuo controllo. Ma tutto può succedere come ha dimostrato il mio Real Madrid. Alla fine contro il Manchester City mancavano cinque minuti, qui ancora diciannove gare, dunque c’è tutto il tempo che serve».

Senza sconti

Determinatissimo anche Leclerc, di solito capace di ripartire con grande convinzione dopo inciampi di cui s’incolpa sempre senza sconti. «Ho analizzato cosa è andato storto nell’errore che mi ha retrocesso dal terzo al sesto posto, sono stato troppo ottimista ma ora si guarda avanti, c’è un GP del tutto nuovo ed è l’occasione per tornare a concentrarmi sul futuro». 
C’è anche chi la pagina non vuol girarla per nulla e questa è la Red Bull, in stato di grazia a Imola e ora su un circuito che teoricamente dovrebbe avvantaggiarla. Ma ogni logica tecnica sembra saltata. «Con loro sarà una battaglia molto ravvicinata - dice Charles - Non so chi sarà davanti qui, ma ci siamo preparati bene e possiamo fare grandi cose. Se facciamo tutto alla perfezione, possiamo portare a casa la terza vittoria». Ed è questo che il popolo ferrarista vuole sentirgli dire.
Le uniche perplessità riguardano l’asfalto, che già nella notte tra giovedì e ieri è stato riparato alla curva 17, quella in fondo al lunghissimo rettilineo dove in meno di tre secondi si passa da 326 a 77 km orari (fonte Brembo), e anche alla 7.

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti