Autovelox approvato ma non omologato? Ecco come si può contestare la multa

La Corte di Cassazione ha stabilito che il controllo periodico di omologazione dovrà essere dimostrato
Autovelox approvato ma non omologato? Ecco come si può contestare la multa
2 min
TagsAutoveloxomologaizoneapprovazione

“Fatta la legge trovato l’inganno”, forse non c’è detto più adatto in una situazione come questa. Nel 2020 un automobilista era stato fermato e multato dalla Polizia locale per eccesso di velocità. Il guidatore però ha impugnato la sanzione contestando al Tribunale di Alessandria che l’autovelox utilizzato fosse solamente approvato, non omologato. È quindi possibile farlo con ogni multa?

Francia, limite di velocità infranto? Ecco perché la soluzione è aumentarlo

 

I dubbi del Codice della Strada

Attraverso l’ordinanza n.8694 dello scorso 17 marzo, la Corte di Cassazione ha stabilito che tutti gli strumenti di misurazione del limite di velocità dovranno essere sottoposti a omologazione. In effetti, a vincere la diatriba tra la Polizia e il conducente era stato proprio quest’ultimo, poiché il dispositivo non era stato omologato ma solo approvato. Secondo la Cassazione quindi è possibile richiedere che venga dimostrata l’avvenuto controllo periodico di omologazione. Servirà comunque che venga fatta chiarezza sulla differenza tra approvazione ed omologazione, perché nel Codice della Strada per ora non c’è accenno di alcuna distinzione.

Autovelox scambia una maglietta per un'automobile: la multa è assurda

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti