Roma, Lazio, Salernitana e Juve: le ultimissime

I tifosi sono con Mourinho. Sarri critico sulla fase offensiva dei suoi. Sousa in bilico. Szczesny parla della parata su Muriel
Roma, Lazio, Salernitana e Juve: le ultimissime
3 min

Al momento della lettura delle formazioni i romanisti hanno le idee chiarissime: sono tutti con e per José Mourinho. Non c'è contestazione dopo il ko contro il Genoa, i tifosi sostengono la squadra anche se al momento delle formazioni arriva qualche fischio per Pellegrini. Lo speaker, Matteo Vespasiani, non annuncia i giocatori nel solito modo, lasciando ai tifosi il cognome, ma dice tutto lui e si sentono solo gli "olé" della gente. Fa così per tutti, Mourinho compreso. Ma i romanisti, sotto gli occhi di Dan e Ryan Friedkin presenti in tribuna, gridano lo stesso il nome di Mou.

Tiri-ciofeca, li ha definiti così Sarri, senza censura. Tiri telefonati, flaccidi, flosci, questo intendeva. Durezza e un po’ d’ironia nello sfogo di Mau. Ha perso di poco la sfida dei tiri in porta (14 a 13 per il Milan) e dei tiri nello specchio (7 a 4). Non gli è andato giù il modo in cui la Lazio li ha confezionati. E ha sottolineato che un anno fa la squadra era prima per occasioni create e gol fatti sottolineando che "adesso siamo 18esimi, la differenza è grossa. Il numero di tiri però vuol dire che la squadra ha prodotto". 

Mai la Salernitana era partita così male in serie A. Tre punti in sette giornate sono il peggior dato della storia granata. L’anno scorso con Davide Nicola i punti conquistati furono 7, l’anno prima, quello del trust e delle mille difficoltà, i campani avevano ottenuto comunque 4 punti dopo sette turni. La posizione del tecnico portoghese non è più stabile. Se è vero che contro l’Inter per un’ora la squadra ha tenuto testa ai nerazzurri, poi appena subìto il primo gol la Salernitana è crollata.

Atalanta-Juventus è finita senza gol e per gran parte è merito di Szczesny. Con la parata meravigliosa sulla punizione di Muriel ha salvato la squadra di Allegri. Il portiere polacco è tornata su quella respinta nel post partita. Queste le sue parole ai microfoni di Dazn: "La parata su Muriel? Non so come ci sono arrivato. Ma non so neanche come è entrata quella di Sassuolo. Una parata importante ci stava dopo quell'errore".


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti