Volley: Presentato a Roma il 72° campionato italiano

Riuscito vernissage nell'austera cornice del Salone del Coni organizzato dalla Lega Pallavolo alla presenza del Presidente del Coni Malagò e degli azzurri saliti sul secondo gradino del podio Olimpico
Volley: Presentato a Roma il 72° campionato italiano© Legavolley
ROMA- La prestigiosa Sala d’Onore del CONI, nel pomeriggio di oggi a Roma, ha ospitato la presentazione ufficiale del 72° Campionato di Pallavolo Serie A UnipolSai. Suggestiva la manifestazione targata Lega Pallavolo Serie A, capace di celebrare con filmati e spezzoni musicali l’epopea del Campionato più bello del mondo.
 
Quattro le novità principali annunciate nel corso della serata dall’Amministratore Delegato della Lega Volley Massimo Righi:
« L’abolizione dei time out tecnici, un nuovo software perfezionato per il Video Check System, che sarà presente in SuperLega e in Serie A2 UnipolSai, la web tv di Sportube, quest’anno in versione pay, con Lega Volley Channel in grado di coprire tutta la Serie A, e l’introduzione del secondo speaker fin dalla Del Monte® Supercoppa, con Lorenzo Dallari star per il debutto ».
 
L’evento si è aperto con l’ingresso del giornalista RAI Alessandro Antinelli, traghettatore della serata, che ha invitato la platea a un minuto di silenzio in memoria dell’ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi.
 
Poi il video introduttivo ai Campionati di fronte alla squadra azzurra, medaglia d’argento alle Olimpiadi di Rio, accompagnata dal commissario tecnico Gianlorenzo Blengini.
 
A fare gli onori di casa il presidente del CONI Giovanni Malagò, che ha ricordato il percorso da protagonisti nelle ultime edizioni dei Giochi Olimpici:
« Lo sport italiano è forte e credibile in tutto il mondo e la pallavolo è il nostro orgoglio. Siamo fieri di condividerla e raccontarla perché, come dicono all’estero, l’Italia è il paese della pallavolo. Si gioca ovunque, in qualsiasi paese di provincia, e questa è la forza del Campionato più bello del mondo ».
 
Avvicendamento sul palco con la Presidente della Lega Volley, Paola De Micheli:
« Da tifosa sono diventata Presidente di questo straordinario mondo e voglio restituire alla pallavolo quello che il volley ha dato alla mia vita. Ho iniziato il giro dei Club e in poche settimane visiterò tutte le società di Serie A. I miei ringraziamenti vanno al tecnico GianLorenzo Blengini, ai ragazzi, alla Federazione, ma anche ai presidenti delle squadre e gli sponsor. E’ per tutti loro che il nostro Campionato è cresciuto. Ora vogliamo raccogliere il testimone olimpico a portarlo in giro per l’Italia ».
 
Immediata la replica del Presidente della Fipav Carlo Magri:
« Federazione e Lega Volley sono unite e sarà sempre così nell’interesse di tutti. Come ha detto anche Malagò, l’Italia è conosciuta come mondo della pallavolo. Siamo alle porte di un nuovo Campionato che sarà apertissimo e ci avvicinerà ai Mondiali del 2018 in Italia e Bulgaria ».
 
Suggestivo il siparietto canoro con la canzone “Nel blu dipinto di blu” di Domenico Modugno reinterpretata a cappella dalle “In 6” come sottofondo al filmato sulle imprese azzurre in Brasile.  
 
Tante novità in passerella legate alla nuova stagione, come la SuperLega a 14 squadre e la Serie A2 da record, con 20 associate divise in due gironi, ma anche una certezza, la partnership con UnipolSai, sinonimo di volley ad alto livello, come ha ricordato Gianmaria Restelli, Responsabile Comunicazione Esterna e Corporate Image UnipolSai:
« Un rapporto che prosegue felicemente. Questa è stata la serata della sinergia e anche noi vogliamo continuare a fare la nostra parte ».   
 
Un boato tra i presenti quando l’allenatore della Nazionale Gianlorenzo Blengini è salito sul palco: « Ringrazio chi ci ha messo in condizione di scalare l’Everest. Siamo arrivati quasi in cima ».
 
Gli “scalatori” azzurri si sono alternati al microfono di Antinelli mandando in visibilio il pubblico a iniziare dal capitano Emanuele Birarelli: « Ci siamo fermati all’argento, ma siamo già in grado di sorridere  ».
Con lui l’uomo dei social Matteo Piano che ci ha tenuto a « ringraziare i compagni per essere stati sempre al mio fianco anche nei momenti più duri ». Oleg Antonov ha dichiarato che l’esperienza olimpica «  è cominciata molto prima ed è finita dopo le gare per quello che mi ha trasmesso ».
Divertente il siparietto di Filippo Lanza che ha svelato le scaramucce amichevoli con il capitano Birarelli dovute « a due caratteri molto forti », come tra fratelli.
 
Riflettori puntati su Rai Sport con il direttore Gabriele Romagnoli e il suo doppio augurio citando Modugno: « Spero che in molti si siano innamorati della Nazionale. Sono convinto che a volte le canzoni mentano perché un sogno così non è vero che non tornerà mai più…  ».
 
Poi ancora azzurri. Nel giorno del suo 33esimo compleanno, Simone Buti ha svelato che la più grande vittoria della Nazionale è stata « la capacità di provare emozioni forti e di trasmetterle ai tifosi  », mentre Osmany Juantorena ha spiegato il perché delle sue lacrime a Rio: « Sono felice dell’argento, ma vivo il presente e quel giorno ho pensato che non avrei più avuto l’occasione di battere il Brasile in casa in una Finale Olimpica ». Un piccolo grande eroe il libero Salvatore Rossini, che ha ricordato la sua battuta in un momento cruciale del cammino olimpico promuovendo la forza del collettivo, così come il compagno Daniele Sottile, che ha scansato i meriti personali raccontando di come sia « venuto fuori il gruppo ».
 

Un applauso fragoroso ha accompagnato l’intervista alla diagonale con le icone Simone Giannelli e Ivan Zaytsev a catalizzare i flash dei fotografi. Il palleggiatore della Diatec Trentino ha sottolineato « il senso di responsabilità dei compagni », mentre l’opposto della Sir Safety Conad Perugia ha strizzato l’occhio ai tifosi elogiando tutti per l’affetto: « E’ stato bellissimo il ringraziamento della gente. Spero si sia capito che abbiamo dato tutto! ».

Nel trentennale del Premio Ilario Toniolo è stato l’arbitro ascolano Fabrizio Pasquali, reduce dalla grande esperienza a Rio 2016, a ritirare il Pallone d’Oro Mikasa come miglior fischietto di SuperLega.
 
Gran finale con la nazionale schierata sul palco al completo per ricevere un riconoscimento e la successiva consegna al presidente Malagò di un pallone firmato da tutti i giganti dell’Italvolley.
 
Messa in archivio l’ouverture dei Campionati di Serie A, sarà la Del Monte® Supercoppa a lanciare le prime schiacciate al PalaPanini, con Azimut Modena, Diatec Trentino, Cucine Lube Civitanova e Sir Safety Conad Perugia. Quindi il via alla SuperLega UnipolSai da domenica 2 ottobre, seguita sette giorni dopo dalla Serie A2 UnipolSai.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti