Perugia, Civitanova e Trento fanno le grandi

Non steccano le prime tre della classe che vincono rispettivamente a Modena, Cisterna e Vibo. Successi anche per Monza a Ravenna, Piacenza contro Verona e Milano contro Padova
Perugia, Civitanova e Trento fanno le grandi

ROMA- Intensa ed affascinante giornata di Superlega che alla fine, pur regalando emozioni ha visto le vittorie delle squadre più accreditate. La capolista Sir Safety Perugia, nel match più atteso di giornata quello del Pala Panini contro la Leo Shoes Modena, si è imposta pur lasciando per strada il primo set. Risponde presente la Lube Cucine Civitanova che passeggia sul campo del fanalino di coda Top Volley Cisterna. Vince, in modo forse più facile del previsto, l’Itas Trento sul campo della Tonno Callipo Vibo Valentia. Successo pesante in chiave quarto posto quella centrata dalla Vero Volley Monza in casa della Consar Ravenna. Seconda vittoria di fila dell’Allianz Milano che si impone in rimonta nel confronto casalingo con la Kioene Padova. Tre punti anche per la Gas Sale Piacenza contro la NBV Verona.

TUTTE LE SFIDE-

ALLIANZ MILANO - KIOENE PADOVA -

Secondo successo consecutivo per l’Allianz Milano nella gara delle 16.00 nella 9a di ritorno. La formazione meneghina esce vittoriosa dal confronto casalingo con la Kioene Padova, battuta in 4 set. Dopo 1 ora e 51 minuti di gioco, il sestetto guidato da coach Piazza supera i patavini per 3-1 (26-28, 25-22, 25-17, 25-20). Dopo la vittoria di giovedì scorso nel recupero con Modena, l’Allianz Milano chiude al meglio la propria settimana portando a casa un importante bottino da tre punti. La Kioene, dal canto suo, soffre la continuità di gioco della compagine milanese e il muro avversario, incappando in un’altra battuta d’arresto dopo il tie break amaro con Piacenza.

Schieramenti classici per entrambi i tecnici, con coach Piazza a dare fiducia a Sbertoli-Patry, Kozamernik- Mosca (un turno di riposo al capitano Piano), Ishikawa-Urnaut e Pesaresi (L), mentre la risposta di Iacopo Cuttini è affidata alle mani di Shoji in diagonale con Stern, al centro Volpato e Vitelli, in banda la coppia Bottolo – Wlodarczyk con Danani libero. Grande battaglia fin da subito: Padova soffre il muro meneghino, ma Milano va in difficoltà in ricezione. Alla fine è l’attacco out di Urnaut che consegna a Padova il primo set (26-28). Milano riporta subito in parità la contesa: trascinata da Maar e Patry (7 punti per entrambi nel parziale) il set si chiude 25-22 con l’ace del canadese. Una Padova stordita si arrende, inerme, nel terzo atto con Milano che trova il massimo vantaggio (20-10), chiudendo poi sull’errore al servizio di Ferrato (dopo 3 ace consecutivi): 25-17. Senza grandi sussulti l’ultimo set, con i padroni di casa dell’Allianz Powervolley che conquistano bottino pieno con l’errore dai 9 metri di Ferrato (25-20). Il match è riassunto nei numeri finali, illuminanti sulla buona prova messa in campo dai ragazzi di coach Piazza, che con grande continuità di gioco e un’ottima correlazione muro-difesa riescono a contenere gli attacchi della controparte padovana mettendo a segno colpo su colpo ogni pallone e aggiudicandosi così il match. Impietoso il raffronto a muro (16 a 5), mentre a servizio è nettamente più pericolosa la squadra ospite (9 a 5). Molto efficace la distribuzione del gioco di Sbertoli (52% di squadra): in attacco le prestazioni di maggior rilievo appartengono a Patry, che con i suoi 20 punti (64% in attacco) si aggiudica il premio di MVP. Anche le ottime prestazioni di Maar (19 punti) e dello schiacciatore giapponese Ishikawa (10 punti) contribuiscono a dare concretezza alla vittoria dell’Allianz Milano. Nella metà campo avversaria è da menzionare il buon apporto di Bottolo (17 punti). Serata storta per Stern, che chiude con 6 punti e il 21% in attacco.

I PROTAGONISTI-

Leandro Mosca (Allianz Milano)- « Abbiamo cominciato bene ma non siamo stati costanti soprattutto al servizio e infatti il primo set l’abbiamo perso, mentre dal secondo abbiamo subito spinto e li abbiamo messi in difficoltà in tutti i fondamentali riuscendo a portare a casa gli altri tre set per la vittoria. Questi tre punti ci danno tanta forza a livello psicologico e tanta carica per la partita di mercoledì di Coppa Italia con Trento: avremo lo stesso entusiasmo ».

Jacopo Cuttini (Allenatore Kioene Padova)- « I ragazzi mi sono piaciuti per come hanno affrontato la gara e questo è l’intento di ogni settimana: cercare di partire aggressivi. Ci siamo riusciti nel primo set. Anche nel secondo parziale non mi sono dispiaciuti, salvo poi avere un momento a vuoto e questo ci ha impedito di arrivare punto a punto nel finale. Purtroppo nel terzo set abbiamo avuto l’infortunio di Shoji e questa è stata una bella botta per noi, anche se poi si è rivelata un’occasione per far giocare il secondo palleggiatore che è al suo esordio in Superlega. Milano ha dimostrato di aver un roster di qualità ».

IL TABELLINO-

ALLIANZ MILANO - KIOENE PADOVA 3-1 (26-28, 25-22, 25-17, 25-20)

ALLIANZ MILANO: Sbertoli 4, Urnaut 3, Kozamernik 7, Patry 20, Maar 19, Mosca 7, Meschiari (L), Staforini (L), Pesaresi (L), Weber 1, Daldello 0, Basic 1, Ishikawa 10. N.E. Piano. All. Piazza.

KIOENE PADOVA: Shoji 3, Wlodarczyk 9, Vitelli 6, Stern 6, Bottolo 17, Volpato 4, Gottardo (L), Danani La Fuente (L), Merlo 0, Canella 2, Ferrato 5, Milan 0, Casaro 1. N.E. Fusaro. All. Cuttini.

ARBITRI: Gasparro, Braico.

NOTE - durata set: 32', 30', 24', 25'; tot: 111'.

MVP: Jean Patry (Allianz Milano)

TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA - ITAS TRENTINO-

La sfida tra quarta e terza forza del campionato vede prevalere, al PalaMaiata, con il risultato di 3-0 l'Itas Trentino nell'ambito della 9a giornata di ritorno di Superlega. La squadra di Lorenzetti si impone di forza al cospetto di una Tonno Callipo priva di Defalco (sostituito da Victor), in non perfette condizioni fisiche ed entrato soltanto per qualche cambio nel primo e nel secondo set. Saitta e compagni devono fare i conti con un avversario cinico e concreto che dà possibilità di replica sfruttando tutte le grandi potenzialità di cui dispone, a iniziare dai bombardieri Nimir (15 punti, 6 ace) e Lucarelli (MVP del match, 13 punti, 4 ace). Solo nell'ultimo parziale la Tonno Callipo ha uno scatto d'orgoglio che gli consente di combattere fino alla fine. Nelle fila giallorosse a tenere a galla i suoi sono il brasiliano Victor, autore di 8 punti, e il francese Chinenyeze con 7. Archiviato in fretta questo risultato negativo Vibo (che rimane ancorata alla quarta posizione in classifica con 34 punti) è già protesa alle ultime due gare della regular season contro Cisterna in trasferta (martedì 2 febbraio ore 17.00) e Civitanova al PalaMaiata (sabato 6 febbraio ore 14.45).

Coach Baldovin schiera la diagonale Saitta-Abouba, al centro Chinenyeze e Cester, schiacciatori Rossard-Victor, il libero è Rizzo. Risponde Lorenzetti con Giannelli-Nimir, al centro Lisinac-Podrascanin, schiacciatori Lucarelli e Michieletto, a difendere in seconda linea è Rossini. La novità rispetto al sestetto tipo è l'utilizzo di Victor in posto-4 per Defalco. Analoghi primo e secondo set con Trento che fa valere la sua maggiore forza in tutti i fondamentali mentre la Tonno Callipo soffre molto nella ricezione (40% finale contro il 63% ospite) e in attacco (39% finale contro il 54% ospite). A evidenziare la differenza di valori sono anche i 12 ace dei gialloblù trentini, nessuno per i calabresi. A fare la parte del leone è l'olandese Nimir che dai nove metri infila ben 6 ace mettendo in grande difficoltà la difesa della Callipo.

I PROTAGONISTI-

Valerio Baldovin (Allenatore Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia)- « Sapevamo che sarebbe stata una gara difficile con una squadra che sta vivendo un grande momento. Trento ha dei buoni battitori e si è visto. Dispiace che loro sono stati perfetti in battuta, mentre noi non siamo stati presenti e precisi in alcune situazioni di gioco e da lì ci siamo un po' sfaldati. A eccezione forse del terzo set. Era importante provare a dare loro pressione sfruttando eventuali incertezze dei rivali, ma non ci siamo riusciti. Dobbiamo rimboccarci le maniche perché prestazioni del genere non fanno piacere. Ci aspettano due gare molto diverse, con Cisterna e Civitanova. Vogliamo chiudere la stagione regolare nel miglior modo possibile. Victor al posto di Defalco ha fatto una buona partita: ha faticato un po' in ricezione come chiunque contro Trento ».

Angelo Lorenzetti (Allenatore Itas Trentino)- « Siamo contenti perché abbiamo centrato l’obiettivo della vigilia: il terzo posto matematico in classifica. Questo risultato ci consentirà di gestire al meglio le risorse nei prossimi turni e di avvicinarci con maggiore fiducia e tranquillità alle gare di Coppa Italia. L’assenza di Defalco nelle file di Vibo ci ha agevolato, ma questa sera la mia squadra ha svolto al meglio il proprio compito ».

IL TABELLINO-

TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA - ITAS TRENTINO 0-3 (13-25, 16-25, 20-25)

TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA: Saitta 1, Rossard 4, Cester 3, Drame Neto 5, Almeida Cardoso 8, Chinenyeze 7, Sardanelli (L), Rizzo (L), Defalco 0, Dirlic 0, Corrado 0, Gargiulo 2. N.E. Chakravorti. All. Baldovin.

ITAS TRENTINO: Giannelli 5, Santos De Souza 13, Lisinac 5, Abdel-Aziz 15, Michieletto 5, Podrascanin 8, De Angelis (L), Rossini (L). N.E. Sosa Sierra, Sperotto, Argenta, Kooy, Cortesia. All. Lorenzetti.

ARBITRI: Luciani, Frapiccini.

NOTE - durata set: 24', 24', 24'; tot: 72'.

MVP: Ricardo Lucarelli Santos De Souza (Itas Trentino)

TOP VOLLEY CISTERNA - CUCINE LUBE CIVITANOVA-

Nella 9a giornata di ritorno sella SuperLega Credem Banca, una Cucine Lube Civitanova senza sbavatura espugna Cisterna di Latina in tre set. I padroni di casa della Top Volley lottano e cercano di contrastare gli ospiti con orgoglio e qualità, ma vengono traditi dalle difficoltà in ricezione. Boban Kovac schiera Seganov in paleggio opposto a Sabbi, di banda Randazzo e Tillie, centrali Krick e Szwarc con Cavaccini libero, dall’altra parte della rete Fefè De Giorgi risponde con De Cecco in regia opposto a Rychlicki, laterali Juantorena e Leal, Diamantini e Simon al centro e Balaso libero. La Top Volley Cisterna cede il primo set 18-25 alla Lube che guida tutto il parziale fin dall’inizio forzando in battuta e approfittando dei sette errori (senza ace) della formazione di casa. Juantorena con cinque punti è il miglior realizzatore per i suoi mentre in casa Top, con cinque punti, è Seganov a finalizzare il gioco. La formazione pontina perde anche il secondo set (18-25) con identico risultato del precedente. Partenza impetuosa della Lube che incide molto con il servizio e manda in crisi la ricezione della Top Volley (5-14) così Kovac cambia Randazzo per dare spazio a Cavuto, la Lube continua a premere con Juantorena e Leal. Sul 12-20 la Top piazza un break di tre punti (15-20) e inizia a creare qualche difficoltà alla Lube: sul 17-21 (ace di Onwuelo) De Giorgi chiama il time out, la Top Volley non riesce a graffiare e la Lube si ripete. Anche nel terzo parziale la Top Volley non riesce ad arginare la Lube ma il gioco è molto combattuto e la sfida si chiude 21-25 in quasi mezzora di gioco. Ancora sette errori al servizio per i pontini nonostante un finale di partita più combattuto. La Top spinge con Cavuto, Sabbi e Tillie, così dal 9-13 i pontini arrivano al 13-16, la Top non molla e resta attaccata agli avversari: sul 16-18 (-2) De Giorgi chiama il time-out ma i pontini non perdono il ritmo e il muro di Cavuto dà la scossa giusta sul 19-21. Sabbi piazza il 20-22 poi la Lube si stacca e chiude i conti 21-25.

I PROTAGONISTI-

Kevin Tillie (Top Volley Cisterna)- « Anche in questa partita abbiamo sbagliato molto al servizio. Questa è una cosa che non si può concedere in qui in Italia perché tutte le squadre sono molto forti. Le sfide con Trento e Lube? Due avversari molto complicati da affrontare. Stiamo migliorando anche fisicamente, stiamo aumentando l’aggressività e la tenacia per ottenere qualcosa in più visto che in allenamento ci diamo molto da fare ».

Ferdinando De Giorgi (Allenatore Cucine Lube Civitanova)-« I ragazzi sono stati attentissimi per tutta la gara. Anche se è uno standard molto alto, lavoriamo per questo! Abbiamo iniziato a martellare con il servizio e abbiamo tenuto un buon ritmo sia in difesa che in attacco. Ora arriva una parte difficile ma “gustosa” della stagione. Contro Padova vogliamo staccare il pass per la Final Four di Del Monte® Coppa Italia ».

IL TABELLINO-

TOP VOLLEY CISTERNA - CUCINE LUBE CIVITANOVA 0-3 (18-25, 18-25, 21-25)

TOP VOLLEY CISTERNA: Seganov 0, Tillie 10, Szwarc 6, Sabbi 8, Randazzo 4, Krick 4, Rondoni (L), Sottile 0, Cavaccini (L), Onwuelo 2, Cavuto 8. N.E. Rossi. All. Kovac.

CUCINE LUBE CIVITANOVA: De Cecco 2, Juantorena 16, Diamantini 3, Rychlicki 11, Leal 5, Simon 9, Marchisio (L), Balaso (L), Hadrava 0. N.E. Yant Herrera, Anzani, Falaschi, Larizza, Kovar. All. De Giorgi. ARBITRI: Piana, Verrascina.

NOTE - durata set: 22', 27', 28'; tot: 77'.

MVP: Osmany Juantorena (Cucine Lube Civitanova)

LEO SHOES MODENA - SIR SAFETY CONAD PERUGIA-

La Leo Shoes Modena di Andrea Giani cade tra le mura amiche del PalaPanini per 3-1 contro la Sir Safety Conad Perugia nella 9a giornata di ritorno della Superlega Credem Banca. I gialli partono con la diagonale Christenson-Vettori, in banda ci sono Petric e Lavia, al centro Stankovic-Mazzone, il libero è Jenia Grebennikov. La Sir Safety di Vital Heynen risponde con Travica-Ter Horst in diagonale, al centro ci sono Solé e Ricci, in banda Leon e Plotnytskyi, il libero è Max Colaci. Perugia parte forte piazzando subito il break, poi è Vettori ad alzare il ritmo (4-5). Modena gioca bene e trova un buon sideout (15-13). La Leo Shoes arriva al 23-20 con Perugia fallosa in attacco. Lavia chiude il primo parziale per 25-23. Dal secondo set cambia la partita. La Sir parte fortissimo con un Leon scatenato (5-11). Si arriva al 13-17 con la Sir che non sbaglia nulla. La Sir chiude il set (21-25) ed è 1-1. Il terzo parziale si sviluppa con un punto a punto serrato (7-7). Perugia cambia ritmo e prende in mano il parziale (15-20). La squadra di Heynen chiude il set (18-25) centrando il sorpasso nel computo dei set (1-2). In avvio il quarto atto è combattuto palla su palla (8-8). Poi i Block Devils alzano l’asticella e trovano la fuga decisiva (14-20). Perugia chiude senza patemi (21-25) portando a casa la gara in quattro set.

I PROTAGONISTI-

Andrea Giani (Allenatore Leo Shoes Modena)- « Nelle ultime tre partite questa è quella in cui i ragazzi mi sono piaciuti meno. Dovevamo fare meglio il sideout, anche perché Perugia a tratti non ha giocato al top. Archiviamo subito questa sconfitta e proiettiamoci subito sulla gara di Monza che è fondamentale. Il muro? Dobbiamo fare meglio. Stasera avevamo contro una batteria di centrali e bande di altissimo livello, ma confermo, dobbiamo fare di più. Monza? Sarà una gara durissima, che dobbiamo vincere ».

Fabio Ricci (Sir Safety Conad Perugia)- « Siamo partiti un po’ contratti, poi con l’andare del match ci siamo sciolti ed è stato un crescendo come qualità di gioco. Stasera era importante vincere e ci portiamo a casa tre punti d’oro. A che punto siamo in vista della Coppa Italia? A buon punto, direi. Finalmente ci stiamo allenando tutti, in palestra c’è un buon clima, fisicamente stiamo bene, giochiamo discretamente e siamo ottimisti in vista dei Quarti ».

IL TABELLINO-

LEO SHOES MODENA - SIR SAFETY CONAD PERUGIA 1-3 (25-23, 21-25, 18-25, 21-25)

LEO SHOES MODENA: Christenson 0, Lavia 8, Mazzone 6, Vettori 18, Petric 3, Stankovic 4, Iannelli (L), Karlitzek 9, Grebennikov (L), Buchegger 0, Rinaldi 5, Porro 0. N.E. Bossi. All. Giani.

SIR SAFETY CONAD PERUGIA: Travica 4, Plotnytskyi 11, Ricci 6, Ter Horst 12, Leon Venero 27, Solé 10, Russo (L), Vernon-Evans 0, Piccinelli (L), Colaci (L), Zimmermann 0. N.E. Atanasijevic, Biglino, Sossenheimer. All. Heynen.

ARBITRI: Tanasi, Cappello.

NOTE - durata set: 30', 28', 28', 30'; tot: 116'.

MVP: Wilfredo Leon Venero (Sir Safety Conad Perugia)

GAS SALES BLUENERGY PIACENZA - NBV VERONA-

Nella 9a giornata di ritorno di SuperLega Credem Banca è la Gas Sales Bluenergy Volley Piacenza a imporsi per 3-1 sulla NBV Verona. Con questo successo i biancorossi salgono a quota 32 punti, a sole due lunghezze da Vibo Valentia, mentre Verona rimane ferma al nono posto a 22 punti. Un match combattuto quello andato in scena al PalaBanca che mette in luce una Piacenza brava a sfruttare al meglio le occasioni costruite. I biancorossi fanno male al servizio (8 ace) e possono contare sul top scorer Russell (22 punti), su capitan Clevenot (15 punti) e su Mousavi, eletto MVP con 13 punti e il 75% in attacco. Gli ospiti, dopo i primi due set, hanno una reazione d’orgoglio nel terzo parziale trascinati dal solito Kaziyski (18 punti).

Nel primo set Piacenza concede poco agli avversari e si dimostra pungente soprattutto al servizio; Verona ci prova negli scambi iniziali passando avanti, ma i biancorossi rispondono subito, trovando un allungo decisivo. Secondo set che vede ancora una volta i padroni di casa della Gas Sales Bluenergy Volley Piacenza partire più sciolti: Clevenot e compagni costringono i veronesi a inseguire per tutto il parziale senza riuscire a ribaltare il risultato. Partita riaperta nel terzo set, con Verona brava a concretizzare le chance, complice qualche disattenzione dei padroni di casa, e a imporsi. Nel quarto parziale le squadre danno battaglia, ma sono i padroni di casa della Gas Sales Bluenergy Volley Piacenza ad avere la meglio e a portarsi a casa tre punti pesanti.

I PROTAGONISTI- 

Aaron Russell (Gas Sales Bluenergy Piacenza)- « Siamo partiti molto bene. Abbiamo giocato a un livello alto questa sera. Soprattutto nella fase break siamo stati bravi a sfruttare al meglio le opportunità create. Anche nel terzo e nel quarto parziale è stata una buona Piacenza. Loro hanno alzato il ritmo e il loro livello di gioco come ci aspettavamo ».

Luca Spirito (NBV Verona)- « Dobbiamo ripartire dal terzo set. Prima del giro di infortuni avevamo trovato un buon ritmo di gioco, oggi abbiamo provato a riprenderlo, ma non ci siamo riusciti per vari motivi. Ci sono diverse cose da migliorare, io ero fiducioso di rientrare per questa partita ed è andato tutto bene, per fortuna. La squadra è ottima, ma dobbiamo trovare i giusti meccanismi per affrontare di nuovo rivali come Piacenza ai Play Off ».

IL TABELLINO-

GAS SALES BLUENERGY PIACENZA - NBV VERONA 3-1 (25-17, 25-19, 23-25, 25-20)

GAS SALES BLUENERGY PIACENZA: Baranowicz 2, Clevenot 15, Mousavi 13, Grozer 14, Russell 22, Candellaro 3, Fanuli (L), Antonov 0, Scanferla (L), Tondo 0, Polo 2, Finger 0. N.E. Botto, Izzo. All. Bernardi.

NBV VERONA: Spirito 2, Kaziyski 18, Aguenier 5, Jensen 8, Jaeschke 15, Caneschi 7, Donati (L), Bonami (L), Asparuhov 0. N.E. Zanotti, Magalini, Peslac. All. Stoytchev.

ARBITRI: Zavater, Caretti.

NOTE - durata set: 23', 25', 34', 33'; tot: 115'.

MVP: Seyed Mohammad Mousavi (Gas Sales Bluenergy Piacenza)

CONSAR RAVENNA - VERO VOLLEY MONZA-

Esattamente cinque anni dopo, Monza torna a espugnare il campo della Consar, con lo stesso punteggio di allora (il 24 gennaio 2016 si giocò a Forlì) e mette nel mirino il quarto posto di Vibo, ora distante una lunghezza. Ravenna si illude dopo il primo set vinto brillantemente, con un attacco incisivo (57%) e una ricezione impeccabile (67%, col 44% di perfette), e dopo un secondo set giocato alla pari. Poi però, sull’8-5 a proprio favore, cede progressivamente alla forza e alla qualità dei brianzoli nei quali spiccano Galassi, Lagumdzija, Dzavoronok e Beretta, che chiudono tutti in doppia cifra. Così come Loeppky (con 14 punti si conferma su alti livelli), Pinali e Recine, ma non basta alla Consar per evitare lo stop. Sulla scia di alcuni della Vero Volley, la Consar trova la strada per portarsi davanti nel primo set (14-11) e mantenere questo margine fino al termine del parziale, chiuso da Loeppky. Poi la partita cambia. Monza si aggiudica il secondo set, con un primo strappo dal 3 pari e con il secondo, decisivo, dal 19 pari, grazie soprattutto a un muro efficace (5 punti) e a un Lagumdzija particolarmente prolifico (9 punti e 70% in attacco). Il terzo set vede la Consar pimpante e concreta fino all’8-5: qui la Vero Volley piazza un break sontuoso (3-9) con cui ribalta il set e gli avversari, che non riescono più ad arginare gli attacchi di Monza, esaltati da un Dzavoronok extralarge (7 punti e 88% in attacco). Con un ace confermato dal Video Check, è Lanza a chiudere per i suoi. Monza continua a martellare anche nel quarto set con la Consar che cerca di usare tutte le armi a sua disposizione per non far scappare Beretta (in luce in questo parziale con 7 punti) e compagni, ma alla fine è netto il successo ospite. La Consar si consola con i tre muri di Grozdanov che tocca quota 100 in questo fondamentale in carriera.

I PROTAGONISTI-

Marco Bonitta (Allenatore Consar Ravenna)- « Abbiamo fatto due ottimi set, il primo e il secondo, giocati alla pari contro la quinta in classifica, in maniera vera. Poi ho visto una squadra che si è spenta fisicamente, mentalmente e tecnicamente. Forse questo livello è un po' difficile da tenere per noi. Monza è più forte e, quando abbiamo perso brillantezza e ritmo, è venuta fuori di prepotenza ».

Donovan Dzavoronok (Vero Volley Monza)- « Siamo partiti male, soprattutto io. In questa stagione si vede lo spirito del gruppo. Quando uno di noi è in difficoltà, gli altri fanno di tutto per aiutarlo. Anche oggi abbiamo dimostrato di sostenerci a vicenda salendo di intensità a muro e in difesa. Ravenna ha ottime individualità. Sapevamo che sarebbe stata tosta, ma dopo il primo set abbiamo parlato tra di noi dando una svolta positiva alla gara. Dove possiamo arrivare? Questa è la nostra migliore stagione in SuperLega finora, ma ci aspettano le gare che contano. Ora c'è la trasferta di Modena per la Coppa Italia, possiamo fare bene. L’obiettivo? Continuare a vincere in Regular Season per una buona posizione in chiave Play Off ».

IL TABELLINO-

CONSAR RAVENNA - VERO VOLLEY MONZA 1-3 (25-22, 21-25, 15-25, 15-25)

CONSAR RAVENNA: Redwitz 1, Recine 11, Grozdanov 6, Pinali 12, Loeppky 14, Mengozzi 9, Giuliani (L), Kovacic (L), Zonca 1, Batak 0, Stefani 0, Arasomwan 2. N.E. Koppers, Pirazzoli. All. Bonitta.

VERO VOLLEY MONZA: Orduna 2, Dzavoronok 17, Beretta 12, Lagumdzija 19, Lanza 8, Galassi 15, Brunetti (L), Davyskiba 1, Federici (L). N.E. Ramirez Pita, Rossi, Giani, Falgari. All. Eccheli.

ARBITRI: Rapisarda, Piperata.

NOTE - durata set: 26', 26', 25', 24'; tot: 101'.

MVP: Donovan Dzavoronok (Vero volley Monza)

I RISULTATI-

Top Volley Cisterna-Cucine Lube Civitanova 0-3 (18-25, 18-25, 21-25);

Leo Shoes Modena-Sir Safety Conad Perugia 1-3 (25-23, 21-25, 18-25, 21-25);

Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia-Itas Trentino 0-3 (13-25, 16-25, 20-25);

Allianz Milano-Kioene Padova 3-1 (26-28, 25-22, 25-17, 25-20);

Gas Sales Bluenergy Piacenza-NBV Verona 3-1 (25-17, 25-19, 23-25, 25-20);

Consar Ravenna-Vero Volley Monza 1-3 (25-22, 21-25, 15-25, 15-25)

LA CLASSIFICA-

Sir Safety Conad Perugia 52, Cucine Lube Civitanova 49, Itas Trentino 44, Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 34, Vero Volley Monza 33, Gas Sales Bluenergy Piacenza 32, Leo Shoes Modena 28, Allianz Milano 26, NBV Verona 22, Consar Ravenna 16, Kioene Padova 13, Top Volley Cisterna 5.

Note: 1 Incontro in meno: Vero Volley Monza, Allianz Milano, NBV Verona, Consar Ravenna;

IL PROSSIMO TURNO-27/01/2021 Ore: 20.30

Cucine Lube Civitanova-Kioene Padova Ore 17:00;

Leo Shoes Modena-Vero Volley Monza;

Sir Safety Conad Perugia-Consar Ravenna Ore 18:00;

Itas Trentino-Allianz Milano Ore 19:00

Corriere dello Sport in abbonamento

Offerta Speciale, sconto del 56%

In occasione della ripartenza delle coppe europee puoi leggere il tuo quotidiano sportivo a soli 23 centesimi al giorno!

Offerta valida solo fino al 15 Marzo 2021

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti