Volley: A1 Femminile, Pomì si inchina a Bergamo ed è fuori dai Play Off

Clamorosa eliminazione delle campionesse d'Italia e d'Europa che, dopo la sconfitta di Gara 1, si fanno battere anche in casa dalla scatenata formazione di Lavarini capace di imporsi a Cremona 1-3 ( 21-25; 15-25; 25-20; 18-25) e volare in semifinale
Volley: A1 Femminile, Pomì si inchina a Bergamo ed è fuori dai Play Off© Pom Casalmaggiore

CREMONA- Bergamo vola in Semifinale compiendo la clamorosa impresa di eliminare dalla corsa scudetto la Pomì Casalmaggiore che appena sei giorni fa si è laureata Campione d’Europa e che è la squadra Campione d’Italia uscente. La Foppapedretti ha completato l’opera iniziata al PalaNorda mercoledì sera andando a vincere a Cremona, nella tana della formazione di Barbolini. La Pomì ha provato a rialzarsi, a riscattare la sconfitta di Gara 1, contando sul sostegno del proprio pubblico ma non c’è riuscita. Le ragazze di Lavarini, in stato di grazia, sono state più forti di tutto anche dell’infortunio che ha costretto Lo Bianco a lasciare il campo nel terzo set. Ma la regista rossoblù ha stretto i denti. E’ rientrata nel quarto parziale e ha guidato di nuovo la sua truppa ad un successo che ha mandato in visibilio gli oltre cento bergamaschi presenti sugli spalti del PalaRadi.
La cronaca del match.

Le due squadre scendono in campo confermando i sestetti iniziali di Gara 1.

Le padrone di casa riescono a disorientare la Foppapedretti in avvio, ma la riscossa arriva dal centro (Paggi e Aelbrecht chiuderanno il set mettendo a terra entrambe 3 attacchi su 4) e Gennari firma il sorpasso del 15-14. L’ace di Plak per il 23-19 apre la strada che porta al 25-21.
E si riparte avanti: 6-0. Casalmaggiore cambia Kozuch con Matuszkova e prova a risalire: da 10-4 per la Foppapedretti si arriva al time out tecnico 12-7, Kozuch rientra sul 14-9 ma subito Plak si fa sentire in diagonale per il 15-9. Un ace di Piccinini rilancia la Pomì fino al 13-17, ma il muro di Paggi per il 21-15 e due ace consecutivi di Barun non lasciano diritto di replica. E il muro (7-1 a favore delle rossoblù il conteggio dei punti a muro nel parziale ) di Mori chiude il parziale sul 25-15. Due a zero. E l’adrenalina è alle stelle. Il pubblico di Cremona prova a riportare in partita le campionesse in carica che riescono a spingersi avanti fino al 6-1. Sylla dà il cambio a Plak in seconda linea e il punto che spezza la serie alle padrone di casa arriva con Gennari sul 2-8. Un ace di Aelbrecht riaccende la miccia ma non basta e allora, sul 4-11, Durisic dà il cambio a Paggi. Sul 7-17 Lo Bianco si infortuna in uno scontro di gioco e lascia il campo a Mori. Sylla attacca, Aelbrecht mura e la Foppapedretti prova a reagire. Barun colpisce ancora al servizio, ma Kozuch risponde subito e la Pomì vola 22-15. La Foppapedretti risale fino al 22-18, annulla un set point, ma non basta e Casalmaggiore accorcia le distanze: 2-1.
Lo Bianco prova a rientrare in campo, dolorante alla spalla sinistra. Sylla suona subito la carica, ma Casalmaggiore è decisa a restare aggrappata al match. Arrivati al 10 pari, Durisic dà il cambio a Aelbrecht e si arriva al time out tecnico avanti 12-10. Barun firma il 13-10, ma Pomì risale di nuovo, 13-12 con Kozuch. Si viaggia con la tensione alle stelle, in campo e sulle tribune: un punto a punto mozzafiato, un elastico di emozioni fino a che la Foppapedretti non riesce a prendere le distanze: 20-16. Sylla mette a terra la palla del 22-17, Barun quella del 23 e del 24. E poi l’apoteosi per le bergamasche che, incredibilmente, conquistano la Semifinale.

I PROTAGONISTI-

Massimo Barbolini (Allenatore Pomì Casalmaggiore)- « Oggi era una Pomì diversa, rispetto a quella mai entrata in partita di Bergamo. Ma Foppapedretti ha giocato meglio e meritato di vincere, e faccio loro tanti in bocca al lupo per il prosieguo. Peccato: è un campionato molto equilibrato; e, superando la serie, sono certo che avremmo potuto fare ancora della strada. C’è rammarico: l’anno prossimo, in campionato, vedremo di far meglio ».

Margareta Kozuch (Pomì Casalmaggiore)- « Sulla partita, poco da dire: Bergamo ha giocato molto bene. Noi ci abbiamo messo il cuore, ma non è bastato. Le mie lacrime? Non mi aspettavo che il campionato finisse qui, con questo gruppo e questo pubblico ».

Katarina Barun (Foppapedretti Bergamo)- « Noi siamo partite forte. La Pomì ha saputo tornare in partita, e con la palla in mano è una squadra impressionante: per questo abbiamo capito che bisognava dare ancora di più. E’ andata bene, ma in effetti penso che stiamo giocando una bella pallavolo. Lo scudetto? Noi ci crediamo ».

IL TABELLINO-

POMÌ CASALMAGGIORE-FOPPAPEDRETTI BERGAMO 1-3 (21-25, 15-25, 25-20, 18-25)
POMÌ CASALMAGGIORE: Bacchi, Lloyd 2, Sirressi (L), Cecchetto (L) n.e., Ferrara n.e., Gibbemeyer 9, Cambi, Piccinini 4, Olivotto n.e., Kozuch 13, Stevanovic 10, Tirozzi 8, Rossi Matuszkova 1. All. Barbolini
FOPPAPEDRETTI BERGAMO: Mori 1, Plak 3, Frigo n.e., Gennari 4, Cardullo (L), Aelbrecht 6, Paggi 4, Barun-Susnjar 18, Lo Bianco , Durisic 4, Mambelli n.e., Sylla 8. All. Lavarini
ARBITRI: Mauro Goitre e Marco Braico
Note: Durata Set: 28’, 24’, 29’, 26’; Muri: Casalmaggiore 2, Bergamo 10; Battute Vincenti: Casalmaggiore 4, Bergamo 4

Commenti