Psg, Neymar fa mea culpa: "Mi sono comportato da pazzo"

L'attaccante brasiliano torna sul duro "confronto" con Alvaro Gonzalez durante la sfida di domenica al Parco dei Principi tra Psg e Marsiglia
Psg, Neymar fa mea culpa: "Mi sono comportato da pazzo"© EPA

PARIGI (FRANCIA) - Neymar fa mea culpa e, dopo aver accusato l'avversario dell'Olympique Marsiglia, Alvaro Gonzalez, di insulti razzisti durante la partita persa domenica dal Psg al Parco dei Principi, ha lanciato un appello alla calma su Instagram. "Sono triste nel vedere il sentimento di odio che si può provocare quando ci si ribella a caldo", ha scritto l'attaccante in portoghese e in inglese, pur confermando le sue accuse. "Avrei dovuto ignorarle? - chiede il brasiliano nel post - ancora non lo so....oggi, a mente fredda, penso di sì, ma sul momento, i miei compagni ed io abbiamo chiesto aiuto agli arbitri, e siamo stati ignorati. Questo è il tema".

Forbes: "Ecco i 10 calciatori più pagati al mondo"
Guarda la gallery
Forbes: "Ecco i 10 calciatori più pagati al mondo"

Neymar chiede scusa

Durante la partita, caratterizzata da cinque espulsioni nel finale - fra cui quella di Neymar per aver colpito con uno schiaffo Alvaro Gonzalez -, l'attaccante si era lamentato a più riprese con il direttore di gara ripetendo "razzismo, no?", e indicando il difensore spagnolo del Marsiglia. A caldo, su Twitter, Neymar aveva scritto: "L'unico rimpianto è di non aver colpito in faccia quel bastardo". Neymar sembra ora pentirsi: "Mi sono smarrito durante la partita e mi è mancata la saggezza", scrive, aggiungendo di considerare "un dovere" quello di "pacificare questo movimento antirazzista affinché i meno privilegiati possano essere difesi normalmente".

Corriere dello Sport in abbonamento

Offerta Speciale, sconto del 56%

In occasione della ripartenza delle coppe europee puoi leggere il tuo quotidiano sportivo a soli 23 centesimi al giorno!

Offerta valida solo fino al 15 Marzo 2021

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti