Corriere dello Sport

Champions League

Vedi Tutte
Champions League

Juventus, Buffon: «Vincere la Champions sarebbe la gioia più grande»

Juventus, Buffon: «Vincere la Champions sarebbe la gioia più grande»
© EPA

Il capitano bianconero alla vigilia del ritorno con il Monaco: «Lo rispettiamo come il Barcellona»

Sullo stesso argomento

 

lunedì 8 maggio 2017 16:30

TORINO - Gigi Buffon mette in guardia la Juventus dal Monaco. Il capitano bianconero ha rilasciato una lunga intervista al sito della Uefa, parlando degli avversari di Champions e anche di cosa significherebbe per lui vincere quel trofeo che manca ancora alla sua già ricca bacheca. 

Juve-Monaco: è partito il conto alla rovescia

MONACO - "Vi racconterò un segreto: verso il 30' del match in casa del Manchester City ho mandato un messaggio a uno dei nostri direttori dicendo 'hey, questi possono arrivare in finale, sono veramente forti!'. Questo vi fa capire il rispetto che abbiamo per loro. Sappiamo che se vogliamo avere un'altra possibilità di vincere la Champions League dobbiamo superare un ostacolo insidioso almeno quanto il Barcellona".

GENERAZIONI A CONFRONTO -"Mbappé è nato nel dicembre del 1998, io avevo già giocato i Mondiali in Francia a quell'epoca! Questo è il bello di aver avuto una carriera così lunga: incontrare ragazzini che non erano nemmeno nati quando tu avevi già un bel pezzo di carriera alle spalle. Pensavo proprio l'altro giorno che ho attraversato tre generazioni. Quando ho cominciato a giocare, in campo c'erano ancora ragazzi nati alla fine degli anni '50 e negli anni '60: concluderò la carriera con giocatori nati dopo il 2000. E' bello sapere, tra 10 anni, quando mi sarò ampiamente ritirato, che avrò giocato con i futuri Messi, Ronaldo e Neymar".

VINCERE - "C'è la voglia e il desiderio di riscattare la finale persa di Berlino, ma devo fare anche ammenda per quella di Manchester nel 2003, quindi andando indietro negli anni la mia motivazione è ancora più profonda". Vincerla significherebbe tanto per me. Sarebbe la gioia più grande della mia carriera insieme al Mondiale del 2006, sarebbe una sorta di ricompensa, la fine di una strada difficile lastricata di coraggio, caparbietà e duro lavoro".

Juve-Monaco in diretta

Articoli correlati

Commenti