Portogallo come il Milan: 33 anni dopo, gol fantasma al Marakàna

Dall’autorete non vista di Vasilijevic alla firma negata a Cristiano Ronaldo: la porta è la stessa
Portogallo come il Milan: 33 anni dopo, gol fantasma al Marakàna
TagsRonaldoSerbia-Portogallo

Stessa storia, stesso posto, stesso bar. Al Marakàna di Belgrado il tempo sembra essersi fermato. Dal 10 novembre 1988 al 27 marzo 2021 sono passati quasi 33 anni, eppure gli episodi sono praticamente identici. Il gol clamorosamente negato a Cristiano Ronaldo nel pari tra Serbia e Portogallo ha il suo precedente negli ottavi di finale di Coppa dei Campioni tra Stella Rossa e Milan: la porta è la stessa di allora, con la sostanziale differenza che alla squadra di Sacchi non venne convalidata l’autorete (netta) del difensore Vasilijevic, protagonista di una 'spazzata' finita maldestramente alle spalle del proprio portiere. La partita si decise ai rigori (Galli ne parò due, uno a Savicevic) e sorrise ai rossoneri, che conclusero la loro annata straordinaria con il 4-0 alla Steaua Bucarest nella finale di Barcellona.

Portogallo, Ronaldo furioso dopo un gol non assegnato: getta la fascia e se ne va!
Guarda la gallery
Portogallo, Ronaldo furioso dopo un gol non assegnato: getta la fascia e se ne va!

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti