Parma-Milan 1-3: commento al risultato partita

Rossoneri spietati: Rebic e Kessiè a segno prima dell'intervallo, Gagliolo la riapre ma non basta a D'Aversa. Ibra domina ma si fa cacciare da Maresca: rosso diretto!
19) Milan -  19,2 milioni© LaPresse
Vladimiro Cotugno
TagsRebicIbrahimovickessie

ROMA - Come da pronostico sulla carta ma un po' meno facilmente sul campo, il Milan batte il Parma e continua la corsa qualificazione alla prossima Champions riportandosi anche a -8 dall'Inter capolista e a +4 dalla Juve terza. Al Tardini finisce 3-1, con i sigilli di Rebic e Kessiè nel primo tempo e di Leao nel recupero, con il gol di Gagliolo a donare una speranza di rimonta a D'Aversa mai compiuta. Pioli ora guarda al Genoa, che domani pomeriggio affronta la Juve, ma dovrà sfidare i liguri senza Ibra, espulso con un cartellino rosso diretto da Maresca.

Ibra e Theo danzano, Rebic e Kessiè colpiscono

Passano solo otto minuti e il Milan è già avanti: gran giocata di Ibra che mette giù il pallone e con un tocco intelligente serve Rebic in area, il croato si libera il destro e fulmina secco Sepe di potenza. Lo svedese, nella sua zona a ridosso dell'area, è un gigante di tecnica e fisico, solo una deviazione al quarto d'ora gli nega il gol del raddoppio. Sarà anche l'aria del rinnovo nell'aria...Il Parma? Gervinho resta fuori dal match e non riesce mai ad accelerare, Pellè più della generosità non riesce a mettere, la squadra di Pioli controlla facilmente la partita e ancora con Ibra, stavolta di testa, si fa pericoloso prima del raddoppio, un minuto prima dell'intervallo: l'assist è di Theo Hernandez, il sigillo è di Kessiè che suggella una stagione pazzesca entrando in doppia cifra.

Ibra ‘tradisce’ il Milan, ma Pioli passa a Parma: 3-1!
Guarda la gallery
Ibra ‘tradisce’ il Milan, ma Pioli passa a Parma: 3-1!

Donnarumma chiude la porta a Conti e Pellè, rosso a Ibra!

Si riparte con Cornelius per Gervinho mossa della disperazione di D'Aversa e con il Parma che al 50' sbatte contro Donnarumma: Conti di testa su una palla sporca, Pellè al volo, in entrambi i casi il portiere rossonero ci mette i guanti, il terzo e ultimo tentativo in area è di Kucka in rovesciata, alta. Ci prova, la squadra di D'Aversa, a riaprire il match alzando l'intensità ma senza precisione è difficile aprire una difesa rossonera che con Tomori e Kalulu non lascia grossi spazi. Manca mezz'ora, partita in completo controllo da parte del Milan ma a ravvivare la situazione ci pensa ancora Ibrahimovic, stavolta in negativo: Maresca sente qualcosa che non gli lascia dubbi, cartellino rosso e Parma in superiorità numerica per l'ultima mezz'ora.

Riapre Gagliolo, chiude Leao al 94'. Parma con un 2004 in campo

Grassi per Hernani, il rosso a Zlatan restituisce coraggio ai padroni di casa e arriva anche il gol a ravvivare le speranze di rimetterla in pari: il cross è di Kucka, la torre di testa è di Pellè, la zampata sottomisura è di Gagliolo rapace a seguire l'azione e a colpire sottoporta anticipando Donnarumma, che si fa anche male nell'occasione alla mano sinistra e riprende il match con una fasciatura. Forze fresche anche per Pioli, dentro Meitè, Dalot, Krunic e infine Gabbia e soprattutto Leao, il portoghese che in pieno recupero, dopo un assalto sterile dei ducali a caccia del pari (durante il quale fa il suo esordio in Serie A il 2004 Traore) riceve da Dalot e supera Sepe in solitudine per il tris che chiude la partita e che consegna un altro pezzettino di qualificazione Champions ai rossoneri. Per il Parma le chance di fare punti salvezza si riducono ancora.

Serie A, i migliori video

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti