Christensen come Dibu Martinez: così ha distrutto gli avversari prima dei rigori

Il portiere della Fiorentina protagonista nella vittoria di Coppa Italia ai rigori contro il Parma... anche senza pararne nemmeno uno: ecco cos'è successo
Christensen come Dibu Martinez: così ha distrutto gli avversari prima dei rigori
2 min

FIRENZE - Un passaggio del turno soffertissimo quello ottenuto ieri dalla Fiorentina in Coppa Italia, dopo la rimonta al Parma (da 0-2 a 2-2) che si è concretizzata ai rigori. E il protagonista assoluto della sequenza, pur senza parare nemmeno un rigore, è stato il portiere viola Oliver Christensen. Come ha fatto? Imitando il Dibu Martinez nella finale degli ultimi Mondiali vinta dall'Argentina contro la Francia.

Fiorentina, Christensen e i giochi mentali alla Dibu Martinez

Un mind game messo in atto dal danese con provocazioni che hanno mandato in tilt i rigoristi del Parma, con due errori su tre rigori calciati (Man e Camara), al contrario dei viola che non hanno mai fallito il tiro dal dischetto. A fine gara, ai microfoni di Sport Mediaset, Christensen ha spiegato: "È stata una gara difficile e soprattutto nel primo tempo non siamo riusciti a fare il nostro gioco, ma poi con grande mentalità abbiamo rimontato. I supplementari sono sempre difficili e anche i rigori. Lì ti puoi trasformare nel cattivo o nell’eroe, stavolta mi sono trasformato io nell’eroe della serata, quindi sono molto contento. Ai rigori ho solo cercato di entrare nella testa dei giocatori che avevo di fronte, a volte funziona altre no, ma oggi sono riuscito a mettere pressione a chi tirava". Insomma, protagonista nella lotteria dei rigori pur senza pararne nemmeno uno.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti