Vieri avverte: “Milan, l'Atalanta può vincere. Juve grandissima delusione”

L'ex attaccante a Dazn: “Inter e rossoneri meritano entrambe lo scudetto. Sacchi e Lippi i migliori tecnici italiani”
Vieri avverte: “Milan, l'Atalanta può vincere. Juve grandissima delusione”© ANSA
TagsVieriLippi

Christian Vieri a Dazn parla di tutto ciò che riguarda il campionato italiano, partendo da una constatazione: “Spettacolare la serie A quest'anno. Tutti gli altri campionati sono già finiti un mese e mezzo fa, da noi mancano due giornate e non si sa ancora chi vince il campionato”. Non vuole però sbilanciarsi su chi sarà campione: “Se lo meritano sia Inter sia Milan. Tutte le domeniche vanno in battaglia. È bellissimo per noi italiani”.

Ferrara, Vieri e Totti: che sketch sul treno
Guarda il video
Ferrara, Vieri e Totti: che sketch sul treno

Vieri: “Al Napoli c'è tanta pressione, alcuni l'hanno avvertita”

Si parte dunque dall'attualità, Milan-Atalanta: “I nerazzurri possono battere chiunque, in Italia”. L'Inter sorride. Altra ex di Bobo è la Juve: “Grandissima, non grande delusione. Con la squadra che ha, dovrebbe lottare tutti gli anni per lo scudetto: a gennaio ha preso Vlahovic: cosa si può chiedere di più?”. Delle prime quattro, manca solo un'analisi del Napoli: “C'è tanta pressione, secondo me alcuni giocatori l'hanno sentita. Quando sei obbligato a vincere è diverso da quando nessuno parla di te. Quando ti dicono che devi vincere per forza, allora cambia tutto. A metà anno ero sicuro che fino all'ultima partita il Napoli sarebbe stato lì, comunque ha grandissimi giocatori e gioca un gran calcio. Però il calcio è questo: puoi dire tutte le cazzate che vuoi, ma alla fine il campo verde non mente mai".

Vieri: “Avrei voluto lavorare con il Gasp, Spalletti o Inzaghi”

Capitolo allenatori: “Io quando mi allenavo con un allenatore che ci spaccava durante la settimana stavo da Dio. Sono portato ad allenarmi, con Gasp mi sarei presentato con la sigaretta. Il vecchio Spallettone mi sarebbe piaciuto, ha allenato mio fratello ed è molto bravo: è un toscano quindi le cose te le dice in faccia, quindi per me è perfetto. Inzaghi ha fatto bene alla Lazio, quest'anno ha vinto e si sta giocando il campionato, ha fatto una buonissima Champions League. Io sono molto curioso di sapere dove andrà De Zerbi".

Vieri: “Scamacca deve segnare di più. Il mio erede? Vlahovic”

Specialità attaccanti: Scamacca è molto bravo, è un buon centravanti, però voglio vederlo fare più gol: deve fare più gol, come Raspadori. Sono giovani, sono bravi, Raspa è forte e sa giocare: devono fare più gol. Se Scamacca mi assomiglia? Più Vlahovic, un mancinone. Però Scamacca è forte".

Vieri: “Sacchi e Lippi: fantastici”

Il miglior allenatore italiano di sempre: Sacchi, perché ha rivoluzionato il calcio italiano. Quello che ha fatto col Milan nessuno l'ha mai fatto. E poi metto Lippi, perché comunque quando sono andato alla Juventus era già avanti, a livello mentale e fisico: ti allenavi a duemila con Ventrone, faceva vent'anni fa quello che fanno le squadre di oggi. Ha vinto scudetti, Champions, Mondiale: dico loro due". E Cuper? “Ero il suo figlioccio. Io non ho mai avuto problemi con gli allenatori: solo se erano falsi. Cuper è una persona seria, mai avuti problemi".

Vieri e Del Piero ambasciatori: in posa con la Supercoppa
Guarda la gallery
Vieri e Del Piero ambasciatori: in posa con la Supercoppa

Inter, i migliori video

Corriere dello Sport - Stadio

Abbonati all'edizione digitale del Corriere dello Sport!

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti