Juventus, Allegri: «Arrabbiato con Pjanic, deve diventare uno dei primi tre al mondo»

Il tecnico dopo il 2-0 al Monaco nella semifinale d'andata di Champions: «Miralem deve essere più convinto delle qualità che ha. La nostra è una stagione importante che può farsi straordinaria»
Juventus, Allegri: «Arrabbiato con Pjanic, deve diventare uno dei primi tre al mondo»© LaPresse
TagsChampions LeagueMonaco-Juventus

MONTECARLO - «Bisogna fare i complimenti alla squadra, non era semplice. Il Monaco ha molta tecnica. Siamo partiti molto bene, abbiamo sbagliato qualche cross di troppo. Nel secondo tempo abbiamo subito un po’ di situazioni. C’è da essere contenti, Barzagli ha fatto una partita straordinaria e la condizione fisica dei giocatori è merito del mio staff». Tutta la gioia di Massimiliano Allegri dopo il 2-0 della Juventus al Monaco nella semifinale di andata di Champions League decisa dalla doppietta di Higuain. «Buffon ha fatto una grande parata sullo 0-0 e dopo siamo passati in vantaggio con una ripartenza, arma che loro sanno usare molto bene – ha detto il tecnico a Mediaset Premium -. Al ritorno loro non avranno niente da perdere quindi dovremo fare un’altra partita seria».

La festa della Juventus a Montecarlo
Guarda la gallery
La festa della Juventus a Montecarlo
«NUMERO UNO AL MONDO» - «La scelta di lasciare Cuadrado in panchina? Con Khedira fuori e per le qualità del Monaco che gioca molto sulle ripartenze, avevo bisogno di un giocatore di marcatura e di un saltatore come Barzagli. Nel secondo tempo c’è stato un momento in cui ha giocato quasi da solo ma tutta la difesa ha fatto bene. La gara di Buffon? Quando ci sono le partite serie Gigi dimostra di essere ancora il numero uno al mondo. I grandi giocatori si vedono quando conta».

SUI SINGOLI - Sulla crescita di Pjanic e Dani Alves non ha dubbi. «Dovevano ambientarsi. Dani Alves si è infortunato all’inizio e aveva una mentalità diversa, ora è diventato molto più concreto: ha fatto due assist da regista. Con Pjanic sono molto arrabbiato perché ha le qualità per diventare uno dei tre centrocampisti più forti al mondo ma ogni volta che perde palla diventa una tragedia. Invece deve essere più convinto delle qualità che ha che per ora non ha espresso o ha espresso parzialmente. Detto questo voglio fare i complimenti a tutti, i ragazzi stanno facendo una stagione importante che può diventare straordinaria».

Juve, i migliori video

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti