Lazio, Pedro salta la Sampdoria e forse il Napoli

Distorsione alla caviglia sinistra per lo spagnolo. Sarri riflette e Cancellieri si allena da esterno
Lazio, Pedro salta la Sampdoria e forse il Napoli© Getty Images
4 min
Fabrizio Patania
TagsPedroSarri

ROMA - Si ferma Pedro. E’ successo domenica mattina, nell’intimità di Formello. Tutti disponibili per Marassi? Neanche per sogno. Sarri ha perso lo spagnolo, decisivo con l’Inter: un assist per Luis Alberto e il destro a giro per il 3-1. Distorsione alla caviglia sinistra. Non è la stessa che lo aveva costretto a rallentare dopo l’amichevole di Valladolid. Non cambia il risultato. Pedro torna ai box. Non è una buona notizia. Salterà la Sampdoria e forse anche il Napoli. Resta in forte dubbio per il confronto di sabato sera all’Olimpico con Spalletti. Verrà sottoposto a controlli tra oggi e domani, ieri non erano ancora trascorse 24 ore dall’incidente.

Serie A, le pagelle alla terza giornata: Lazio top, Roma da rivedere
Guarda la gallery
Serie A, le pagelle alla terza giornata: Lazio top, Roma da rivedere

Cancellieri largo

Felipe Anderson e Zaccagni, come era successo nelle prime tre giornate di campionato, scorteranno Ciro Immobile nel tridente. L’allenamento di ieri pomeriggio a Formello ha dato un’altra indicazione. Sarri, per la prima volta, ha messo Cancellieri sulla fascia destra e ha provato Romero come finto centravanti. L’ex Verona era entrato in corsa con Bologna, Torino e Inter. Ogni volta Mau lo ha piazzato sulla fascia. Lo preferisce a Romero, è chiaro, rispetto al quale ha due anni in più, è alto il doppio ed è assai più formato. Dal primo giorno di ritiro ad Auronzo, Cancellieri si è sempre allenato da punta centrale, il ruolo per cui lo ha acquistato (a sorpresa) Tare. Negli ultimi minuti con l’Inter, Mau lo ha richiamato perché tendeva ad accentrarsi, lasciando scoperto l’out in fase di non possesso. E’ possibile che l’addestramento da centravanti gli abbia fatto “dimenticare” un certo tipo di lavoro da esterno e il tecnico voglia conservarlo nella doppia funzione. Oppure c’è la coincidenza legata all’infortunio di Pedro. Nell’arco dei prossimi tre impegni (Sampdoria, Napoli, Feyenoord) e qualora lo spagnolo faticasse a rientrare, ci sarà bisogno di un’alternativa a Felipe e Zaccagni. Cancellieri deve tenersi pronto. Potrebbe debuttare presto dal primo minuto nel suo ruolo naturale, lo stesso per cui lo considerano Nicolato per l’Under 21 e il ct Mancini in Nazionale (dietro a Berardi e Politano).

Luis Alberto e il prezzo della fantasia

Europa League, Lazio-Feyenoord all'esordio: ecco il calendario dei biancocelesti
Guarda la gallery
Europa League, Lazio-Feyenoord all'esordio: ecco il calendario dei biancocelesti

Scelte

Ieri Sarri, avvicinandosi alla Samp, ha mescolato le carte. Sta riflettendo. Soltanto oggi valuterà l’ipotesi di qualche cambio in formazione o se dare continuità agli undici titolari impiegati con l’Inter. Marusic è stato provato a destra. Hysaj e Radu erano i laterali di fascia sinistra. La sensazione è che a Marassi potrebbe toccare all’albanese oppure al Boss nel blocco dei titolari. Gila e Casale spingono dietro Patric e Romagnoli, ma è difficile che cambi la coppia titolare. Semmai ci potrebbe essere l’alternanza a centrocampo. Vecino si candida in corsa per la staffetta con Milinkovic. Basic (più avanti) e Luis Alberto si giocheranno il posto di mezzala sinistra. Marcos Antonio, quasi certamente, lo vedremo dall’inizio con il Feyenoord.

Lazio, Milinkovic Savic non parte
Guarda il video
Lazio, Milinkovic Savic non parte


Commenti